Erba, addio a Sossnovsky Parravicini  Era il proprietario del Buco del Piombo
L’ingresso del “Buco del Piombo” chiuso al pubblico (Foto by Bartesaghi)

Erba, addio a Sossnovsky Parravicini

Era il proprietario del Buco del Piombo

Il 9 ottobre aveva compiuto 91 anni. Si è battuto per la riapertura al pubblico del complesso carsico

Era proprietario del Buco del Piombo, oltre che della splendida villa di via Cantù che porta il nome della sua famiglia.

È morto martedì 12 ottobre all’età di 91 anni il conte Costantino Sossnovsky Parravicini di Parravicino, lascia la moglie Maria Ivancich Toniolo e la figlia Camilla, oltre all’inseparabile sorella Carla e ai nipoti Gualberto e Costanttino. Il funerale verrà celebrato mercoledì 13 ottobre alle 15 nella chiesa Santa Maria Assunta di Parravicino, a breve distanza dalla dimora.

Il conte, ha fatto sapere la famiglia, «è morto serenamente» a causa dell’età avanzata. Il 9 ottobre, aveva celebrato il novantunesimo compleanno. Erede di una delle famiglie più importanti della storia di Erba, e in particolare della frazione di Parravicino, è conosciuto come proprietario del Buco del Piombo.

La sua passione per la grotta simbolo della Valle Bova, e la volontà di far conoscere il patrimonio naturale della città, lo portò nel 1998 a promuovere l’istituzione del Museo Buco del Piombo che per anni ha garantito l’ingresso ai visitatori. «Il Buco del Piombo - scrisse il conte in una pubblicazione dedicata al museo - non è definibile in una parola: grotta, castello, cattedrale… ogni definizione resta riduttiva!».

Negli anni passati, la famiglia Sossnovsky ha spesso aperto le porte della villa al pubblico in occasione delle giornate del Fai, o in concomitanza con eventi culturali organizzati dal Comune: la volontà di Costantino, come per il Buco del Piombo, era quella di condividere un po’ di bellezza con i propri concittadini.

(Luca Meneghel)


© RIPRODUZIONE RISERVATA