Como e Lecco, foto in gara con il mondo
Como, Monumento alla Resistenza: foto di Manuel Pagani premiata nel 2019

Como e Lecco, foto in gara con il mondo

Dal 1° al 30 settembre tutti possono partecipare a Wiki Loves Lake Como, sezione lariana del più grande concorso fotografico planetario. Diciannove comuni della sponda comasca e 32 di quella lecchese hanno liberalizzato i monumenti da immortalare

È noto che essere rintracciabili su Internet in modo facile ed esauriente è fondamentale per attrarre turisti, ma probabilmente pochi sanno quanto possa fare la differenza per un territorio avere una vetrina adeguata sull’enciclopedia libera Wikipedia, che è sempre tra le prime voci ad apparire sui motori di ricerca.

Secondo uno studio condotto nel 2017 da ricercatori di vari istituti, tra cui il Centre for European Economic Research (Zew), curare con attenzione le voci di Wikipedia relative a un luogo e ai suoi monumenti può accrescere l’indotto turistico del 9%. Un dato che rende bene l’idea di quanto sia importante partecipare a “Wiki Loves Lake Como”, terza edizione della sezione lariana del più grande concorso fotografico mondiale Wiki Loves Monuments, e anche alle iniziative collaterali in cui si articola il progetto, che quest’anno ha per tema “Borghi d’autore” ed è, come nei precedenti, curato dalle associazioni Sentiero dei Sogni e Wikimedia Italia. Cresce il numero dei sostenitori, a partire da Camera di Commercio Como Lecco; tra i partner anche “La Provincia”.

Tempistiche

Da oggi e fino al 30 settembre tutti possiamo aderire caricando su Wikimedia Commons le foto dei monumenti liberalizzati (in Italia non esiste libertà di panorama ma occorre la liberatoria del proprietario per immortalare un bene immobile e pubblicarlo su Internet) in 19 Comuni della provincia di Como e 32 di quella di Lecco. Come si legge nella lettera/appello, inviata dai responsabili di Wikimedia Italia Marta Pigazzini e Stefano Dal Bo ai sindaci di entrambe le province lariane, « l’autorizzazione consente la riproduzione fotografica del bene culturale e il successivo caricamento della stessa immagine da parte di fotografi, appassionati o chiunque abbia scattato una foto significativa di un vostro monumento su it.wikipedia.org, l’enciclopedia online conosciuta da tutti, secondo le norme della licenza Creative Commons».

Partecipazione

«Le foto caricare durante il periodo dall’1 al 30 settembre 2020 parteciperanno al concorso locale e nazionale - rimarcano i due wikimediani -. Le foto caricare al di fuori di questo periodo andranno comunque ad arricchire il database di immagini Wikimedia Commons a cui chiunque può avere accesso, per utilizzare le immagini a scopi divulgativi, commerciali etc. (con attenzione alle condizioni di licenza), sull’enciclopedia online Wikipedia, e sugli altri suoi progetti fratelli come Wikivoyage, una guida turistica online interamente redatta in modo collaborativo».

Questi sono i 19 Comuni del Comasco dove andare a caccia di bellezza con la propria macchina fotografica: Albavilla, Bene Lario, Brunate, Campione d’Italia, Carlazzo, Cernobbio, Como, Dosso del Liro, Erba, Grandola ed Uniti, Gravedona ed Uniti, Lezzeno, Livo, Maslianico, Menaggio, Nesso, Peglio, Tremezzina e Uggiate Trevano. E questi i 32 del Lecchese: Bellano, Calolziocorte, Casargo, Cassina Valsassina, Colico, Cortenova, Crandola Valsassina, Cremeno, Dervio, Dorio, Esino Lario, Introbio, La Valletta Brianza, Lierna, Mandello del Lario, Margno, Moggio, Morterone, Olginate, Osnago, Pagnona, Parlasco, Pasturo, Perledo, Premana, Primaluna, Sueglio, Taceno, Tremenico, Valgreghentino, Valvarrone e Varenna.

Tra le new entry di quest’anno il Comune di Grandola ed Uniti, che lo scorso luglio ha ospitato una giornata di editathon (scrittura di voci di Wikipedia) tra Villa Camozzi e la Fornace Galli, e quello di Lezzeno, dove il 6 settembre è prevista una passeggiata letteraria e anche fotografica, proprio per immortalare beni appena liberalizzati come le chiese e la Torre di Rozzo. Concorrono anche monumenti privati per i quali i proprietari abbiano firmato le liberatorie: è il caso dell’Osteria Il Governo 1801, sempre a Lezzeno, e di un’altra novità di quest’anno, la Tenuta de l’Annunziata di Uggiate Trevano, oggi agriturismo/relais, un tempo residenza di campagna di Francesco Somaini, industriale cotoniero nonché promotore del Tempio Voltiano di Como.

I premi in palio spaziano da quelli immateriali (soggiorni, cene, spa, ingressi ai musei) a libri, piccole opere d’arte, dolci e oggetti per l’escursionismo e il tempo libero. Sono stati offerti da tanti sostenitori del progetto: Museo della Seta, New Press Edizioni, K2O Sport, deComm, Pasticceria Fuin, Tenuta de l’Annunziata, Il Giardino incantato di Iris, Albergo ristorante Tre Re, Garabombo bottega di Como, Visiolario, Maria Teresa Sassone, Chiarella e il nostro quotidiano, che mette a disposizione tre abbonamenti digitali. Premi speciali per le migliori foto dedicate alla Lake Como Poetry Way, il percorso pedonale di 16 km da Maslianico a Brunate scandito da casette per lo cambio di libri e cartelli poetici, e a quelle caricate nell’ambito del progetto “Como un quadro”

Queste le pagine web dove si trovano le liste dei monumenti liberalizzati a Como (https://it.wikipedia.org/wiki/Progetto:Wiki_Loves_Monuments_2020/Monumenti/Lombardia/Provincia_di_Como) e a Lecco ( https://it.wikipedia.org/wiki/Progetto:Wiki_Loves_Monuments_2020/Monumenti/Lombardia/Provincia_di_Lecco ). Qui , invece, le indicazioni su come partecipare al concorso Wiki Loves Monuments e, quindi, anche alla sue sezione locale “Wiki Loves Lake Como” (le foto caricate gareggeranno sia a livello locale, che in quelli superiori, ovvero regionale, nazionale e, se selezionate in quest’ultimo, anche mondiale): https://wikilovesmonuments.wikimedia.it/partecipa.

La premiazione di “Wiki Loves Lake Como”, con la proiezione delle immagini vincitrici, si terrà il 9 dicembre alle 21 nella Sala Bianca del teatro Sociale, grazie alla disponibilità della Società Palchettisti, tra i partner del progetto fin dalla prima edizione. Per informazioni: [email protected]


© RIPRODUZIONE RISERVATA