Commercialisti e contabili    La protesta nella capitale
Anche da Lecco una delegazione di commercialisti a Roma

Commercialisti e contabili

La protesta nella capitale

Una delegazione da Lecco contro le cosiddette «false semplificazioni»

Commercialisti ed esperti contabili in agitazione: anche da Lecco una delegazione della categoria ha raggiunto la capitale per manifestare contro le “false” semplificazioni previste dal decreto legge 193/2016 che coinvolgeranno non solo i professionisti ma tutti i contribuenti. La misura, infatti, invece di ridurre gli adempimenti introduce otto nuovi obblighi in materia di Iva, oltre a riformare Equitalia in un modo che – rilevano – appare più simbolico che altro. A Roma, a guidare il gruppo lecchese, hanno manifestato la dottoressa Emma Fumagalli, componente del Consiglio dell’Ordine lecchese, e con i presidenti delle locali AIDC Elena Vaccheri, che è anche segretario nazionale dell’Associazione, e Unione Giovani Andrea Maffei.

Servono, ha rimarcato Vaccheri, «regole chiare e definite, un normativa tributaria più stabile, semplificazioni e soprattutto rispetto: delle regole e dei ruoli, dei cittadini e dei commercialisti che per primi, senza riserve, si sono messi a disposizione dell’Amministrazione finanziaria per assecondare e gestire il cambiamento e l’evoluzione».

In questo momento, «le energie devono essere focalizzate alla ripresa del Paese e del tessuto imprenditoriale e artigianale. Tutti abbiamo diritto a una buona amministrazione che imponga il rispetto della legalità, delle regole di uguaglianza e di non discriminazione», ma anche «di trasparenza, di certezza del diritto e soprattutto del divieto di abuso di potere». Sulla questione è intervenuto anche il presidente dell’Ordine lecchese, Antonio Rocca, che ha evidenziato che la manifestazione «è stata la prima a livello nazionale per la nostra categoria di professionisti, cui potrà far seguito uno sciopero».


© RIPRODUZIONE RISERVATA