Cercava di portare migranti in Svizzera  Arrestato il “sacrestano” di Somazzo
Il santuario dedicato a San Giuseppe sul colle di Somazzo

Cercava di portare migranti in Svizzera

Arrestato il “sacrestano” di Somazzo

Uggiate Trevano, l’uomo, 48 anni, sorpreso oltreconfine a Brusata

Sorpreso e bloccato dalla polizia elvetica appena oltre il confine con l’Italia con un gruppo di migranti il sacrestano custode tuttofare di San Giuseppe, la piccola chiesa santuario posta sul colle di Somazzo, risulta sia stato arrestato con l’accusa di essere un passatore. In sostanza di aver accompagnato alcuni stranieri verso la terra promessa rossocrociata .

Tutto ancora da chiarire ,sono poche le informazioni che filtrano dal Ticino, se lo facesse in cambio di denaro per far quadrare il bilancio familiare oppure semplicemente animato da spirito umanitario nei confronti di profughi in fuga dal paese di origine.

L’arresto, a quanto risulta, in località Brusata, il versante svizzero di Bizzarone il cui territorio confina con quello di Uggiate Trevano sia pur diviso dalla provinciale Lomazzo-Bizzarone. Territorio elvevetico facilmente raggiungibile a piedi anche attraverso il valico pedonale della Pignora.


© RIPRODUZIONE RISERVATA