Venerdì 18 Aprile 2014

Calolzio: magnate turco

per le Trafilerie Brambilla

Uno dei presidi organizzati da sindacati e lavoratori in queste settimane alle Trafilerie Brambilla di Calolziocorte I lavoratori delle trafilerie alla sede dell’Unione industriali di Lecco
(Foto by Foto Cardini e Menegazzo)

Potrebbe essere Aydin Dogan, il magnate dei mass media della Turchia e oppositore di Erdogan, a volersi comprare una rilevante fetta delle Trafilerie Brambilla.

Per il momento si tratta di indiscrezioni trapelate da fonte sindacale, e solo in queste ore, nel corso del primo incontro di trattativa finalizzata alla concretizzazione del piano concorsuale, sarà possibile sapere con certezza se è davvero lui l’imprenditore turco che si è fatto avanti per salvare la Brambilla.

L’azienda, entrata in preconcordato nel mese di novembre, ha atteso l’ultimo giorno disponibile per presentare al Tribunale un piano industriale utile all’ammissione al concordato vero e proprio che consentirà di ripianare i buchi di bilancio e i debiti attraverso una ristrutturazione industriale e l’ingresso di un nuovo socio, un industriale turco, forse proprio Dogan che è fra gli uomini più ricchi della terra perché, secondo Forbes nel 2013 avrebbe dichiarato un patrimonio da 1,1 miliardi di dollari.

Dogan interverrebbe tramite una sua controllata attiva nel settore industriale.

Tutti i dettagli nell’ampio servizio su “La Provincia di Lecco” in edicola venerdì 18 aprile.

© riproduzione riservata