Bione, il Comune  gioca l’ultima carta «Spettacoli anche  il prossimo anno»
1L’attuale caserma dei vigili del fuoco di Lecco, in piazza Era a Pescarenico2Il luna park nell’area spettacoli del Bione3Il sindaco Virginio Brivio

Bione, il Comune
gioca l’ultima carta
«Spettacoli anche
il prossimo anno»

Dopo l’addio a “Nameless”, chiesto il rinnovo dell’autorizzazione
Il sindaco: «Non ci risulta che l’avvio del cantiere della nuova caserma dei pompieri sia così immediato»

Dopo l’addio a Nameless, l’area spettacoli del Bione potrebbe salutare definitivamente anche altre manifestazioni, una su tutte il tradizionale luna park del periodo pasquale.

La notizia del cambio di location del festival di musica elettronica, che dal 2015 si trasferirà a Barzio ha acceso i riflettori su una situazione che bolliva in pentola già da diverso tempo e che vede comando dei vigili del fuoco e amministrazione comunale schierati su posizioni diverse.

Da anni, più precisamente dal 2007, l’area spettacoli del Bione è stata destinata alla costruzione della nuova sede dei pompieri che il comando lecchese aspetta da circa 18 anni, una decisione con cui l’attuale amministrazione comunale si è trovata a fare i conti pur non condividendola.

«La precedente amministrazione aveva avvallato l’utilizzo di quest’area per la caserma – conferma il sindaco Virginio Brivio – noi abbiamo tentato di indicare un’alternativa. Condividiamo l’obiettivo dei vigili del fuoco di avere una sede decorosa e a questo proposito abbiamo più volte indicato come possibile soluzione l’ampliamento della sede attuale con l’edificio adiacente, sede di LineeLecco».

Ora il tentativo da parte dell’amministrazione comunale è quello di mettere una pezza almeno per il 2015, garantendo l’uso dell’area per le manifestazioni. «Nei giorni scorsi – spiega il primo cittadino lecchese - abbiamo chiesto alla direzione regionale dei vigili del fuoco l’autorizzazione all’utilizzo dell’area per il 2015, anche perché non ci risulta che i lavori per l’avvio del cantiere della nuova caserma siano così immediati».

Tutti i particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola martedì 9 dicembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA