Valsassina Mea culpa sul turismo

«Qui ognuno pensa al suo orticello»

Comuni e Pro loco ammettono le difficoltà

Ma Barzio si chiama fuori: «Noi ce la caviamo benissimo»

Valsassina Mea culpa sul turismo «Qui ognuno pensa al suo orticello»
Turisti a Barzio
(Foto di Repertorio Cardini)

Comuni e Pro Loco della Valsassina poco collaborativi nell’organizzare le manifestazioni estive? «Vero».

Monta il caso del turismo in valle: «Scarso e senza coordinamento. Piccole iniziative che per di più si sovrappongono». Accuse dure. Gli addetti ai lavori ammettono: «C’è campanilismo, ognuno fa il suo. È difficile collaborare, auspichiamo che questo trend cambi».

La voce è unanime. Tutti ammettono che, però, il difficile è passare ai fatti. Un coordinamento tra Pro Loco ed assessorati al turismo per offrire un unico «pacchetto Valsassina» potrebbe essere la soluzione?

Lo auspicano tutti, tranne il primo cittadino di Barzio, Andrea Ferrari. Il centro considerato più turistico della Valle, che non ha una Pro Loco da almeno vent’anni. «Ce la caviamo benissimo così grazie ai volontari, agli sponsor - dice -. Barzio crea indotto con Nameless, il Trial, la Sagra delle Sagre: migliaia di avventori che creano indotto. Per quel che riguarda invece le piccole manifestazioni, giusto che ogni Comune faccia da sé».

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA