Un Natale senza sci in Valsassina?  «Per l’economia sarebbe un disastro»
Roma è orientata a imporre il divieto di sciare anche nelle zone arancioni e gialle

Un Natale senza sci in Valsassina?

«Per l’economia sarebbe un disastro»

Il Governo orientato verso lo stop totale

Hotel, ristori e negozi tremano

Le notizie che arrivano da Roma stanno facendo tremare i polsi alla Valsassina. Il nuovo Dpcm, infatti, non darebbe il tanto atteso via libera agli impianti sciistici durante il periodo natalizio. Per le attività locali, già duramente provate dalle restrizioni da “zona rossa”, sarebbe un colpo molto duro da assorbire. E ciò vale soprattutto per i Piani di Bobbio, la principale località sciistica valsassinese.

«La realtà delle cose è che al momento è un “sembrerebbe”, che è molto diverso da un “sarà” - dichiara il sindaco di Barzio Giovanni Arrigoni Battaia - è indubbio che però, se così fosse, sarebbe un danno incalcolabile per le attività della zona».

Anche Massimo Fossati - amministratore delegato di Imprese Turistiche Barziesi, spera ancora in un lieto fine: « L’iter è ancora lungo, visto che ci vorrà l’approvazione del Governo e del Cts, ma l’impatto economico dello sci amatoriale è troppo alto perché venga ignorato del tutto».

A Barzio diverse attività stanno aspettando con ansia che la situazione si possa sbloccare. Tra questi Gigi Valsecchi, titolare della Valsecchi sport, attività che effettua servizio di noleggio sci sulle piste di Bobbio. «Qualunque cosa succederà, questa sarà un’annata pessima».

L’articolo completo e l’approfondimento sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA