Profughi, stop ai lavori per il Comune

«È inverno, non c’è più bisogno di loro»

Cremeno, scaduta la convenzione con gli ospiti

della ex colonia degli Artigianelli

Profughi, stop ai lavori per il Comune «È inverno, non c’è più bisogno di loro»
Cremeno - La ex colonia degli Artigianelli

Di profughi al lavoro, a Cremeno, non se ne vedono più dalla fine di dicembre.

Scaduta la convenzione con la cooperativa “Tre Fontane di Roma” che si occupa dei 118 profughi ospitati all’ex colonia degli Artigianelli della frazione di Maggio, la giunta del sindaco, Pier Luigi Invernizzi, non l’ha più rinnovata.

«E proviamoci. Vediamo poi a conti fatti se funziona», aveva detto il primo cittadino illustrando i termini della convenzione, per cui i richiedenti asilo sarebbero stato impiegati per piccoli lavori in paese per tre mesi - in squadre a turno di sei per volta -, da ottobre a dicembre. Provvedimento appunto adottato in via sperimentale e senza costi per il Comune. E adesso?

Adesso i profughi non lavorano più. «In questi mesi invernali non abbiamo necessità di ricorrere all’ausilio di queste persone. Ci potremmo ripensare in primavera». Così il vice sindaco, Antonio Arrigoni Neri, spiega le valutazioni della giunta.

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA