Premana: insulti, minacce e vandalismi  nella fontana di Creghencighe
Premana, l’ultimo messaggio recuperato dentro la fontana

Premana: insulti, minacce e vandalismi

nella fontana di Creghencighe

Lario Reti Holding chiude l’impianto dopo il danneggiamento del serbatoio

Messaggi minacciosi ed un danneggiamento alla serratura del serbatoio dell’acquedotto hanno costretto il tecnico di Lario Reti Holding a chiudere la fontana pubblica della Creghencighe, sulla strada ago silvo pastorale per l’alpe Fraina.

«Volete la guerra del rubinetto, noi siamo pronti - è scritto su uno dei foglietti, l’ultimo tra quelli ritrovati - Qui la mafia non comanda. Vogliamo solo una fontana decente».

«Da un po’ di settimane – racconta il sindaco Elide Codega – il tecnico trovava dei messaggi di minacce. Lunedì oltre al bigliettino ha scoperto che era stata scassinata la serratura della porta del serbatoio dell’acquedotto: si è arrabbiato ed ha chiuso la fontana, mettendo l’indicazione di rivolgersi al Comune. Abbiamo concordato con Lario Reti di pubblicare l’ultimo messaggio. L’acqua della fontana è sempre uscita e non c’è nemmeno il rubinetto. Non è giustificabile che si vada a scassinare l’acquedotto, creando danni».

L’articolo completo e l’approfondimento sul giornale in edicola domani, sabato 27 marzo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA