Moggio, quaranta minuti di massaggio  Turista americano salvato al ristorante
Moggio Valsassina Malore turista Americano Intervento della Ambulanza di Introbio ed Elisoccorso di Como Caricato nella piazzola davanti Comunità Montana della Valsassina. (Foto by Cristian Locatelli)

Moggio, quaranta minuti di massaggio

Turista americano salvato al ristorante

L’ottantenne proveniente da Seattle è stato colto da un malore mentre cenava ai “La Puppola” , all’interno del centro sportivo Locatelli

È ricoverato all’ospedale Sant’Anna di Como il turista americano ottantenne soccorso una decina di minuto dopo le 21 di domenica sera a Moggio. L’uomo è sotto osservazione, in sala monitor, in coma indotto, dopo il malore che lo ha colpito e le manovre di rianimazione fatte sul posto prima di essere ricoverato.

Il turista era salito insieme alla moglie e ad alcune altre persone per una cena al ristorante “La Puppola”, all’interno del centro sportivo Locatelli.

Quando si è sentito male è subito apparso chiaro che si trattasse di un attacco cardiaco e grazie alla presenza nel locale di un defibrillatore e di alcune persone abilitate, tra cui anche il nostro fotografo Alberto Locatelli, il turista è stato sottoposto al massaggio cardiaco, pilotato al telefono da un medico del 118 per circa quaranta minuti, ininterrottamente. Nel frattempo da Introbio è partita l’ambulanza del Soccorso Centro Valsassina e da Taceno l’auto del soccorso sanitario.

Le gravi condizioni dell’ottantenne di Seattle, che era ospite di una struttura ricettiva di Varenna, hanno spinto la centrale operativa ad inviare a Moggio anche l’elisoccorso.

Il velivolo è arrivato ma non ha potuto atterrare nel campo sportivo, in quanto non sarebbe stato possibile aprire il cancello della recinzione pertanto l’equipaggio medico è stato calato con il verricello e l’elicottero si è recato a Barzio dove è atterrato nella nuova piazzola a fianco della Fornace.

Una volta stabilizzato, l’uomo è stato caricato sull’ambulanza che è scesa a sirene spiegate alla piazzola dell’elisoccorso dove, purtroppo, le operazioni di carico del paziente si sono scolte completamente al buio.n M.Vas.


© RIPRODUZIONE RISERVATA