Margno, Sei preferenze in più  aprono a Malugani il quarto mandato
Giuseppe Malugani, a destra, subito dopo la fine dello spoglio

Margno, Sei preferenze in più

aprono a Malugani il quarto mandato

Confermato con 141 voti: «È il risultato quando la gente ragiona e valuta»

Sei voti in più di quelli raccolti al primo turno decretano la riconferma di Giuseppe Malugani a sindaco di Margno.

Ha vinto per 141 a 120 il ballottaggio con Marco Cariboni dopo il clamoroso pareggio del 26 maggio a quota 135. Eppure hanno votato 269 persone, sette in meno del primo turno facendo scendere il dato finale delle 23 all’81,02%, quando le due rilevazioni precedenti indicavano un aumento attorno al 3%, dovuto invece al cambiamento di orario di chi si è recato alle urne.

Otto invece le schede nulle contro le tre del primo turno a cui si erano aggiunte tre bianche. L’ultimo elettore ha votato alle 22.57 poi, una volta concluse le operazioni preliminari, alle 23.30 è partito lo spoglio alla presenza di una quarantina di persone, tra candidati e pubblico.

Da una parte Malugani che registrava i suoi voti, dalla parte opposta Cariboni che ha invece affidato l’operazione a Lorenza Grattarola, candidata con lui.

Facce tese e silenzio di tomba per tutta la durata dello spoglio che al 132-113 ha matematicamente sancito la vittoria di Malugani, tenendo conto delle schede nulle.

Alle 0.15 il presidente del seggio Gianpiero Conti ha proclamato la vittoria. Cariboni si è alzato ed è andato incontro a Malugani stingendogli la mano, poi ha lasciato la sala consiliare.

«È il risultato quando la gente pensa, ragiona e valuta. Poi le cose vengono da sole», le prime parole a caldo del vincitore.

Rivolgendosi a coloro che con il sostegno gli hanno dato la possibilità di continuare a ricoprire la carica di sindaco, Malugani ringrazia «per il prezioso aiuto che ci avete dato e che, se lo permettete, intendo anche come stimolo a fare del nostro meglio nel prossimo futuro con un solo scopo, il bene del paese e dei cittadini. Queste tre settimane sono state per me, e penso anche per i miei consiglieri, tese ed a volte stressanti con attacchi gratuiti e offensivi alla mia persona . Non credevo si potesse arrivare a tanto. Ma come quasi sempre accade – afferma - le persone pensano, riflettono, giudicano ed esprimono il loro parere ed hanno voluto ridarmi la fiducia per altri cinque anni. Sono uno dei pochi sindaci della zona che si appresta ad iniziare il quarto mandato, in questi ultimi 25 anni».

Guardando alla sua esperienza, Malugani conclude: «Non saranno rose e fiori, ci saranno difficoltà ed imprevisti, ma sono certo che con i miei amministratori li sapremo risolvere al meglio lavorando con serietà e costante impegno, chiedendo anche la collaborazione dei cittadini e delle associazioni presenti sul territorio».

Per effetto del voto quindi il nuovo consiglio è formato da Valter Falcetti, Thomas Rattini, Alessandra Sala, Vittorio Antonio Burini, Giandomenico Pensotti, Alessia Acquistapace e Carlo Malugani e Marco Cariboni, Giampiero Manzoni e Lorenza Grattarola per la minoranza,


© RIPRODUZIONE RISERVATA