Manzoni a Barzio  resta di ghiaccio
La scultura “bianca”

Manzoni a Barzio

resta di ghiaccio

In paese una maxi scultura di Afran, realizzata con la neve

che raffigura lo scrittore de “I promessi sposi” sorridente

La nevicata degli ultimi giorni è stata occasione per scatenare l’estro di Afran, noto artista conosciuto in tutto il Lecchese soprattutto per i suoi affreschi, ma anche i ragazzi e le ragazze del “B&B Gli Gnomi”. In pieno centro paese Afran ha scolpito nella neve il volto di Alessandro Manzoni: l’autore de “I promessi sposi”, molto ben reso nei suoi tratti caratteristici, sembra contemplare lo spazio innevato circostante con atteggiamento compiaciuto. Dal canto loro, i “B&B” hanno modellato con la neve un imponente Babbo Natale in posizione “relax”, lungo e disteso in mezzo alla piazza centrale del paese, piazza Garibaldi (meglio nota come la “piazza del leone” per la scultura che la sovrasta eretta alla memoria delle vittime barziesi delle guerre mondiali). Dunque due attrattive che hanno accolto il plauso di tutti. In questo periodo di lockdown Barzio si attrezza grazie al lavoro di volontariato dei tanti animano il paese nel rispetto delle restrizioni imposte dalle norme anti-Covid 19. Spente le luminarie e chiuse le feste, finché la neve non si scioglie rimarranno in bella vista il volto del Manzoni e il grande “Babbo Natale che riposa” in pieno centro paese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA