Mandello, l’unica invasione buona
«Alpini ieri, oggi e per sempre»

Penne nere in corteo per i 95 anni del gruppo

Mandello, l’unica invasione buona «Alpini ieri, oggi e per sempre»
Con labari e stendardi da piazza Leonardo a piazza Giovanni XXIII - Menegazzo

«Il servizio militare l’ho fatto nel 1951 ed è stato il periodo più bello della mia vita. Ero nella banda del VI Reggimento alpini battaglione Edolo come sassofonista. Quando diventi alpino poi lo resti per tutta la vita». A Lazzaro Poletti , classe 1930, uno dei “veci” delle penne nere mandellesi, brillano gli occhi mentre parla.

Ieri il paese della Guzzi è stato invaso dagli alpini per festeggiare i 95 anni del gruppo locale che raccoglie anche le penne nere di Abbadia.

Un pomeriggio e una serata intensi: il corteo da piazza Leonardo da Vinci a piazza San Giovanni XXIII, poi la messa nella chiesa di San Lorenzo e il ritrovo nella sede della piazza della stazione per un momento conviviale rallegrato dal corpo musicale mandellese.

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA