Il sogno di Ezio Artusi è diventato realtà  “Battezzata” la pista di atletica di Introbio
Introbio - A tagliare il nastro è stata Marilena, la madre di Ezio Artusi

Il sogno di Ezio Artusi è diventato realtà

“Battezzata” la pista di atletica di Introbio

Componente del Soccorso Alpino, era morto in montagna il 16 febbraio 2019

Attorniata dai bambini, i più piccoli atleti, mamma Marilena ha dato il colpo di forbici al nastro tricolore che ha inaugurato stamattina la pista di atletica di Prà Baster, intitolata al figlio Ezio

Una cerimonia semplice ma carica di emozione, per non dimenticare una persona che tanti hanno chiesto al sindaco di ricordare.

«Quando un sogno diventa realtà, è una cosa bellissima. Non immaginate quanta emoziono ho io, inaugurando questa struttura», sono state le parole del primo cittadino Adriano Airoldi.

Un anello di 170 metri che verrà rifinito in tartan e una pista di 400 metri su diversi livelli che sembra essere stata apprezzata dai futuri utilizzatori.

«Sarà un punto di aggregazione per i giovani, fulcro dello sport in Valsassina che sarà aperta a tutti - ha assicurato Airoldi - Spero che tutti ne facciano buon uso».

Ezio Artusi che era morto sulla Grignetta, travolto da una valanga, il 16 febbraio 2019 con l’amico Giovanni Giarletta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA