Il ricordo di Charlotte in un palloncino  Dalle Fiandre fino all’Ultimo Paradiso
Il palloncino impigliato nella recinzione della pizzeria “La libellula”

Il ricordo di Charlotte in un palloncino

Dalle Fiandre fino all’Ultimo Paradiso

Margno, la ragazza belga era rimasta uccisa

lo scorso 27 settembre in un incidente stradale

Un palloncino bianco è atterrato domenica al Pian delle Betulle, impigliandosi nella recinzione della pizzeria “La libellula”. Appeso c’era un messaggio con la fotografia di una diciottenne belga di Bovekerke, nelle Fiandre occidentali, di nome Charlotte Gysel. Poi due date: quella della nascita, il 26 gennaio 2001 e quella della morte il 27 settembre 2019.

Destino ha voluto che quel palloncino lasciato volare in cielo nel giorno dei funerali della giovane, morta in un incidente stradale, facesse migliaia di chilometri per arrivare fino al Pian delle Betulle, fino all’Ultimo Paradiso, come è chiamata la località, a pochi metri dalla chiesetta degli Alpini.

A recuperarlo è stato Giampietro Manzoni. «Ho trovato il palloncino domenica mattina, sulla rete - racconta - ho pubblicato le fotografie su Facebook, nella speranza che il messaggio potesse arrivare alla famiglia. Subito dalla valle hanno iniziato a mettere messaggi e a tradurre ciò che c’era scritto sul cartoncino. Sono riuscito a mettermi in contatto con la famiglia, sempre su Facebook, e ho saputo che tutti gli anni vengono in Italia, vicino a Bergamo».

L’articolo completo sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA