Da lunedì Sp 63 chiusa cinque giorni

Morterone Lo stop al transito dalle 8 alle 18 per consentire le opere di manutenzione

Da lunedì Sp 63 chiusa cinque giorni
La galleria della Forcella di Olino

I lavori sulla strada provinciale inizieranno lunedì prossimo.

È infatti in arrivo la chiusura temporanea della Sp 63 di Morterone per quelli che Villa Locatelli definisce «interventi di manutenzione corpo stradale e pareti rocciose incombenti».

Dopo il sopralluogo tecnico dalla direzione dei lavori e e dall’impresa appaltatrice, il settore Trasporti e Mobilità – Viabilità della Provincia di Lecco ha disposto la chiusura al transito del tratto compreso dal chilometro 11+000 circa (alla galleria Forcella di Olino) al chilometro 15+500 circa (termine strada provinciale in Morterone), nella fascia oraria compresa dalle 8 alle 18 a decorrere da lunedì prossimo fino a venerdì 23 settembre.

L’obiettivo, spiegano dall’amministrazione provinciale, è quello di consentire «l’esecuzione in sicurezza dei lavori di rinnovo dei piani viabili nel centro abitato di Morterone».

«Tutto questo, al fine di tutelare la sicurezza degli utenti della strada e delle maestranze al lavoro presso il cantiere – aggiungono ancora da Villa Locatelli – in quanto, le previste operazioni di fresatura e successiva stesa di conglomerati bituminosi a caldo, verranno eseguite lungo un tratto stradale particolarmente tortuoso e con limitata sezione stradale che non consente la presenza contemporanea di veicoli in transito e mezzi adibiti ai lavori». Sorride il sindaco di Morterone Dario Pesenti: «Per questo intervento sono previsti 500mila euro - ricorda - Un’altra opera sarà effettuata in primavera, sempre dalla Provincia, per altri 600mila. Lavori per più di un milione di euro non si vedevano da tempo a Morterone».

Mattia Micheli, vicepresidente provinciale e consigliere delegato alla Viabilità, lo aveva già annunciato: «Saranno rifatti pezzi di parapetti e sistemeremo i punti più critici. Cerchiamo di creare meno disagi possibili per residenti e villeggianti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA