Casargo, la guerra dei Pasquini  La strana amicizia tra la Lega e il Pd
30nov37 Lecco Casargo nuova piazza nei pressi del municipio (Foto by Sandonini)

Casargo, la guerra dei Pasquini

La strana amicizia tra la Lega e il Pd

Ad Antonio (Civica) si contrappone Giovanni , con il leghista anche consiglieri della giunta Scarpa L’ex sindaco: «Non so nulla, ma sono persone capaci»

Allo stato attuale il nuovo sindaco di Casargo sarà Pasquini.

Quale tra Antonio e Giovanni saranno gli elettori a deciderlo, il 26 maggio.

Oltre alla sfida tra omonimi (ma non parenti) a tenere vivo l’interesse è quanto si vocifera: dietro alla lista di Giovanni Pasquini ci sarebbe un accordo tra Pd e Lega con la regia del sindaco uscente Pina Scarpa.

Voci che corrono

«Sono cose che sento anch’io. - dice l’interessato – Scioglierò la riserva solo a lista chiusa. In ballo c’è una collaborazione con il territorio. Di certo la Lega ci sarà a Casargo ma con forze civiche, qualcuno dell’amministrazione uscente, altre nuove che hanno chiesto alla Lega di esserci. Pina Scarpa non ci sarà sicuramente. Ci sarà qualche simpatizzante leghista. Se devo valutare gli ultimi quindici anni serenamente, devo dire che ha lavorato bene ma c’è molto da fare di nuovo».

Giovanni Pasquini, originario di Narro, abita a Lecco, è capo della segreteria politica del consigliere regionale Antonello Formenti ed è segretario uscente della sezione della Lega di Oggiono.

Invece Antonio Pasquini è legato al consigliere regionale Mauro Piazza ed è di “Libertà e autonomia”.

Centro destra contro quindi nella sfida per la poltrona di sindaco: «Mi sembra inusuale. - commenta riferendosi alla ventilata alleanza Antonio Pasquini - È bizzarro un accordo Lega-Pd. Poi un candidato che non abita nemmeno in paese. La mia è una lista civica e non ho chiesto a chi c’è con me cosa vota alle europee o alle regionali. Ho chiesto che idea futura ha di Casargo. Non ho chiesto come la pensa ma delle tasse, del Comune, del centro sportivo, non certo se ha in tasca una tessera o non l’ha».

Radio elezioni parla della regia del sindaco Scarpa che è tesserata Pd: «So che stanno preparando una lista. Io, tra l’altro sono a Salerno da un pezzo. - afferma – Avevo detto che sarei uscita di scena. Rivendico la mia posizione che è chiara. Già un’altra volta si disse che io avevo votato Piazza alle elezioni regionali, ma è otto, nove anni che risiedo a Salerno».

Su quanto stanno facendo i suoi consiglieri uscenti, Scarpa dice: «Sono persone serie e degne di fiducia e di stima che mi hanno aiutato molto. Non c’è nessun accordo, non da parte mia. - afferma - In una lista civica tutto è possibile. Nella mia ci sono sempre stati consiglieri della Lega ma non ho mai detto per chi devono votare. Io esco di scena ed auguro a chiunque vinca che sappia portare avanti in modo costruttivo il paese. Sono ovviamente vicina a chi è stato con me per quindici anni. Ripeto, persone capaci. Sarei contenta se riuscissero a fare la lista. Del resto non so nulla. In questo periodo ho ben altro nella testa».

Un ritorno alle urne

Quello di Giovanni Pasquini è un ritorno alla candidatura: aveva già guidato la lista, con il simbolo della Lega, nel giugno 2004 perdendo contro l’allora assessore uscente Scarpa (eletta quindi al primo mandato) e Bernardino Manzolini ed avendo preso solo 32 voti non era riuscito ad entrare in consiglio


© RIPRODUZIONE RISERVATA