A Casargo l’ira degli animalisti

sulla mostra della capra orobica

Tre ore e mezzo di protesta, striscioni e slogan

Poliziotti e carabinieri schierati, ma nessun incidente

A Casargo l’ira degli animalisti sulla mostra della capra orobica
Casargo - I contestatori sono giunti persino dal Piemonte

Presidio di protesta del Movimento etico tutela animali e ambiente e del “Fronte ambientalista” alla ventottesima edizione della Mostra regionale della capra orobica.

Una dozzina di attivisti arrivati da Milano, Biella e Brescia hanno inscenato la loro protesta per tre ore e mezza, dall’apertura della mostra, alle 8, fino alle 11.30 esponendo striscioni e cartelli a margine dell’area della manifestazione, sotto l’attento controllo di una folta schiera di carabinieri, poliziotti ed agenti della Digos in borghese.

Il leader del Meta Valerio Vassallo ha fatto una visita nell’area dove erano radunate le capre preannunciando che avrebbe presentato alcune denunce alla Procura della Repubblica.

La manifestazione si è conclusa attorno alle 11.30: il sindaco Pina Scarpa si è intrattenuta con gli attivisti per spiegare le ragioni della mostra di Casargo.

L’articolo completo e l’approfondimento sul giornale in edicola domani, domenica 18 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA