Ministro ticinese sui frontalieri  «Sì a clausola di salvaguardia»
In coda al valico del Gaggiolo

Ministro ticinese sui frontalieri

«Sì a clausola di salvaguardia»

Un abitante su quattro della Confederazione è straniero e dal debutto della libera circolazione in 700mila hanno deciso di trasferirsi in Svizzera dai Paesi Ue. Di qui la richiesta, suffragata dalle firme e contro il parere del Governo di Berna, di tornare alle urne

.

La nuova e tanto dibattuta consultazione federale anti-frontalieri si terrà domenica 17 maggio. Si tratta del remake del referendum contro l’immigrazione di massa del 9 febbraio 2014, che ha ottenuto il consenso degli elettori rossocrociati, ma che - salvo l’applicazione del “Prima i nostri!” nei comparti con la disoccupazione sopra l’8% - non ha avuto grande seguito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA