Vertice tra sindaci e autorità sanitarie

«I centri vaccinali non chiudono»

All’incontro i primi cittadini di Calolziocorte, Casatenovo,

Merate, Monticello, Oggiono e Olgiate Molgora

Vertice tra sindaci e autorità sanitarie «I centri vaccinali non chiudono»
OLGIATE MOLGORA - Il centro vaccinale
(Foto di Fabrizio Alfano)

Vertice stamattina a Lecco tra i sindaci del territorio e i vertici di Ats Brianza e Asst Lecco per definire i termini della collaborazione istituzionale sulla campagna vaccinale e le previsioni di attivazione dei centri territoriali di prossimità, in particolare per gli ultra ottantenni.

C’erano Marco Ghezzi (Calolziocorte), Filippo Galbiati (Casatenovo), Massimo Panzeri (Merate), Alessandra Hoffman (Monticello Brianza), Chiara Narciso (Oggiono) e Giovanni Bernocco (Olgiate Molgora).

All’incontro presente il Prefetto di Lecco Castrese De Rosa, mentre a rappresentare Ats e Asst c’erano i direttori generali Silvano Casazza e Paolo Favini che hanno illustrato l’attuale pianificazione regionale e le difficoltà tutt’ora presenti in merito alle forniture delle dosi di vaccini, che rendono ardua una programmazione stabile della campagna.

C’era anche Marco Magri è intervenuto in rappresentanza della Cooperativa Cosma, che raggruppa i medici di famiglia e i pediatri del territorio.

Secondo i dati forniti ai sindaci, oltre il 60% degli ultraottantenni ha ricevuto la prima dose di vaccino (13820 su circa 20000 soggetti aderenti): un dato, è stato rimarcato, superiore alla media regionale. Inoltre, circa 2600 ultraottantenni hanno ricevuto anche la seconda dose (il cosiddetto “richiamo”)

Il programma, è stato detto durante la riunione, prevede il completamento della vaccinazione prima dose per tutti gli ultraottantenni della Provincia entro l’11 aprile. Prosegue parallelamente la somministrazione del richiamo nei tempi previsti dalla prima dose

Nel corso dell’incontro, è stato deciso che i centri vaccinali territoriali di Calolziese, Casatese, Meratese, Oggionese e Olgiatese saranno attivati a partire dal 31 marzo, nei tempi tecnici utili alla convocazione dei cittadini ed al reperimento dei vaccini. Due o tre di questi centri saranno attivi dal 31 marzo, gli altri immediatamente dopo Pasqua e saranno dedicati agli ultraottantenni favorendo così un alleggerimento degli invii presso i poli ospedalieri

Essendo i centri già tutti potenzialmente operativi, i sindaci hanno delegato il dottor Magri il confronto tecnico con Ats e Asst per definire la migliore strategia possibile delle aperture dei centri.

In una nota, i sindaci esprimono «soddisfazione per le decisioni assunte oggi, rinnovando ad Ats e Asst la massima disponibilità alla collaborazione, anche per le fasi successive, nello spirito di garantire assieme vicinanza e chiarezza ai cittadini. Il calendario delle aperture verrà da noi comunicato, dopo il confronto tecnico che si completerà nel week end.

Marco Ghezzi, Sindaco di Calolziocorte

Filippo Galbiati, Sindaco di Casatenovo

Massimo Panzeri, Sindaco di Merate

Alessandra Hoffman, Sindaco di Monticello Brianza

Chiara Narciso, Sindaco di Oggiono

Giovanni Bernocco, Sindaco di Olgiate Molgora

© RIPRODUZIONE RISERVATA