Oggiono, l’impero Rex   venduto per 25 milioni
L’ingresso del supermercato Rex di Oggiono: il primo della catena ieri battuta all’asta

Oggiono, l’impero Rex

venduto per 25 milioni

Salvi i 149 posti di lavoro, gli otto punti vendita (tra cui due discount) aggiudicati all’asta ad Unes - Ieri l’atto finale, con l’apertura delle buste contenenti le offerte in Tribunale: i supermercati cambiano marchio

Sono salvi, i 149 dipendenti della Rex Supermercati, battuta ieri all’asta per 25 milioni 106.515 euro.

La bandiera dell’ex impero fondato dal cavalier Nino Pirovano verrà ammainata, per fare posto al marchio Unes che, all’asta, si è aggiudicato in un unico blocco tutti gli otto punti vendita: quello storico di Oggiono, via Milano; quelli di Calco, Monticello, Barzanò, Missaglia e Cesano Maderno; i discount di Olgiate Molgora e Oggiono viale Europa, attualmente a marchio Eurospin.

Ieri è stato l’ultimo atto, con lieto fine, della crisi aziendale: scongiurato il fallimento grazie al voto favorevole del 67% dei creditori, era stata aperta la procedura per la cessione di tutti i beni.

Entro mezzogiorno del 21 ottobre c’era tempo per presentare offerte di acquisizione, che potevano riguardare l’intero blocco o i soli punti vendita a marchio Rex oppure i discount.

Le 12 erano scoccate con due iscritti, uno dei quali per rilevare soltanto i negozi Eurospin, dunque risultato automaticamente escluso dall’offerta per l’intero pacchetto.

I particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola mercoledì 23 ottobre


© RIPRODUZIONE RISERVATA