«Nameless alla Poncia fino al 2025»

Annone Fumagalli spazza via gli ultimi dubbi: «Restiamo qui: abbiamo firmato l’accordo per utilizzare l’area»

«Nameless alla Poncia fino al 2025»
Mauro Piazza, Alberto Fumagalli, Daniele Gerlin e Alessandro Lippi

«Abbiamo firmato l’accordo per utilizzare l’area ancora per tre anni con il Nameless festival. La nostra intenzione, ferma, è quella di rimanere nel Lecchese».

Alberto Fumagalli, amministratore di Nameless, lo dice chiaro e tondo: fino al 2025 la manifestazione si terrà nell’area della Poncia, tra Annone Brianza, Molteno e Bosisio Parini. Spazza via, quindi, ogni dubbio sul prossimo futuro del maxievento: «Nameless si porta il Lecchese nel nome (che rimanda, in una libera traduzione, all’Innominato del Manzoni, ndr). Finché ci sono le condizioni rimarremo in provincia».

La promessa arriva durante la presentazione ufficiale dell’edizione 2023, la nona, ma quella in cui il festival compirà dieci anni. Un evento in grande stile, a Palazzo Lombardia a Milano, in cui non è praticamente stata svelata la line up, tranne alcune piccolissime anticipazioni, tra cui la presenza di Kayzo, al secolo Hayden Capuozzo, dj statunitense di chiare origini italiane, che è anche passato alla presentazione, in quanto già in città per un concerto.

Dal 2 al 4 giugno tornerà quindi in Brianza un evento che ormai ha risonanza internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA