Liceo scientifico più sicuro

Due settimane, poi si parte

Lavori da 435mila euro al Grassi: dureranno due mesi e mezzo

Riguarderanno i controsoffitti. Vertice per minimizzare i disagi per le classi

Liceo scientifico più sicuro Due settimane, poi si parte
Il cantiere al liceo Grassi dovrebbe iniziare a metà febbraio

Liceo scientifico Grassi: i lavori per la messa in sicurezza dei controsoffitti potrebbero iniziare già nella seconda settimana di febbraio: dureranno, secondo le previsioni, due mesi e mezzo (75 giorni).

Nei prossimi giorni è previsto un incontro tra il preside Adamo Castelnuovo, il consigliere provinciale delegato ai lavori pubblici Mauro Galbusera, la collega all’istruzione Marinella Maldini, e i referenti dell’azienda che si occuperà dell’intervento.

«Insieme valuteremo le strategie per accelerare i lavori e per evitare, per quanto possibile, i problemi, visto che a scuola ci sarà le lezione - dice Castelnuovo - inoltre chiedere di mettere in sicurezza subito sei classi, e poi i laboratori e la palestra, così da velocizzare il rientro degli alunni ospiti in altre scuole».

Da inizio anno scolastico tre classi dello scientifico infatti sono dislocate all’istituto Fiocchi e altre tre all’istituto Parini.

«Se non ci saranno imprevisti penso che prima di Pasqua le sei classi potrebbero tornare in sede - continua il dirigente - La prossima settimana faremo comunque il punto».

Tra i possibili problemi, quello legato ai rumori che potrebbero disturbare la normale didattica.

Altro punto importante quello della sicurezza: da una parte chi lavora nel cantiere dovrà potersi muovere agevolmente, e dall’altra gli studenti dovranno entrare ed uscire per raggiungere le aule senza rischi.

Lo spazio è risicato, tanto che le trentadue classi rimaste nella sede devono fare i conti con lezioni spalmate su sei ore al giorno per cinque giorni alla settimana, con un giorno di “vacanza” a rotazione per studiare da casa.

L’intervento allo scientifico Grassi, rientra nello stanziamento, da parte del Miur di un contributo di 2.300.000 euro per i lavori nelle scuole superiori di Lecco e territorio.

Della somma in questione, un milione andrà a coprire le spese dei lavori fatti lo scorso anno all’istituto Parini per la messa in sicurezza dei controsoffitti, e l’ultima parte di recupero di un seminterrato usato come archivio, che non essendo un’emergenza non era stato messo a norma.

Restano 1.300.000 mila euro: di questi, 435 mila euro per la messa in sicurezza dei controsoffitti al liceo scientifico e musicale Grassi, 165 mila euro sono destinati ai lavori all’Agnesi di Merate, 200 mila euro per il Viganò di Merate.

Il Miur ha previsto anche un contributo di 125 mila euro per il Fiocchi e di 416 mila euro per il Bachelet di Oggiono, che necessitano di alcune sistemazioni non urgenti ma necessarie che verranno realizzate nei prossimi mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA