Il ponte c’è ma gli operai non si vedono  Annone, l’inaugurazione rischia di slittare
L’area del ponte anche ieri mattina era deserta, i lavori dopo la posa non sono ancora iniziati

Il ponte c’è ma gli operai non si vedono

Annone, l’inaugurazione rischia di slittare

Anche ieri mattina nessun lavoratore sulla struttura che dev’essere ultimata -L’obiettivo di renderlo transitabile per i primi di luglio è messo fortemente in dubbio

Ieri, all’inizio di una nuova settimana, nessuno si è presentato sul cantiere per l’ultimazione del ponte a scavalco sulla 36: intanto, almeno quattro dei 30 giorni previsti da Anas per aprirlo al traffico sono già trascorsi senza che nulla sia successo, tantomeno la posa del calcestruzzo che, di per sé, richiede la maturazione per 28 giorni, prima di poter sopportare carichi.

A rigor di matematica, il termine indicato da Anas è, dunque, già superato, così come la più seppur più realistica speranza espressa dal sindaco di Annone, Patrizio Sidoti in occasione del varo: «Speriamo – dichiarò – di poter essere qui agli inizi di luglio, a tagliare il nastro». Il varo del ponte è avvenuto, com’è noto, lo scorso 29 maggio. Da allora, l’impresa vincitrice dell’appalto non si è più ripresentata. «Le maestranze – secondo Sidoti – hanno lavorato giorno e notte, precedentemente all’installazione della campata: avranno preso una comprensibile pausa». Per l’opposizione (il cui consigliere uscente Tiziano Corti, ieri mattina, era «già sul ponte alle 7.30») invece «si tratta solo di mancanza di serietà, bella e buona».

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola oggi, 4 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA