Guerra ai sacchi neri non trasparenti  «Li lasceremo davanti alle abitazioni»
Un sacco nero non trasparente abbandonato nella zona di via Longoni

Guerra ai sacchi neri non trasparenti

«Li lasceremo davanti alle abitazioni»

Oggiono. Il sindaco Narciso dichiara guerra a chi non s’adegua alla normativa sui rifiuti. Insorge l’ex Ferrari: «Facevamo così già da anni ma non è possibile lasciare sporca la città»

È polemica sui sacchi neri (non trasparenti) della spazzatura che il sindaco, Chiara Narciso, ha preannunciato non verranno più ritirati, dal primo settembre, se esposti fuori dalle abitazioni.

Dai banchi della minoranza, insorge l’ex sindaco Roberto Ferrari: «È una bufala – afferma – Infatti, si procede così già da anni; i controlli sul contenuto, per risalire a chi tuttora li utilizza, sono uno specifico obiettivo del Comune da almeno due anni e per questo l’attuale sindaco si è ritrovata in possesso delle cosiddette “fototrappole”: cioè, queste telecamere dedicate le abbiamo acquistate noi; quindi, niente proclami e nessuna novità».

«La realtà è che i sacchi neri continueranno a essere ritirati dal Comune anche dopo settembre: gli incaricati possono tentare di identificare chi li espone ma, se non riescono, cos’altro si può fare? Lasciarli lì?». La Narciso, però, insiste: «Uno degli aspetti che la nostra amministrazione vuole migliorare è l’attenzione all’ambiente».

Tutti i dettagli nell’ampio servizio su “La Provincia di Lecco” in edicola sabato 10 agosto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA