Bulciago, dieci anni dall’omicidio di Vik

«Un concorso per ricordare mio figlio»

Egidia Beretta presenta l’iniziativa, rivolta ad autori di cortometraggi e documentari - «Il motto di Vittorio, “Restiamo umani”, è il titolo che abbiamo scelto per questo progetto»

Bulciago, dieci anni dall’omicidio di Vik «Un concorso per ricordare mio figlio»
Vittorio “Vik” Arrigoni, venne rapito e ucciso il 15 aprile 2011

«Anche così si onora Vik»: Egidia Beretta, la madre dell’attivista bulciaghese Vittorio Arrigoni, annuncia, tra le altre iniziative nel decennale del suo rapimento e assassinio - avvenuti a Gaza - anche “Lavori in corto 2021” «con il sostegno della Fondazione Vittorio Arrigoni Vik Utopia Onlus»; la partnership è con l’Associazione Museo Nazionale del Cinema.

«Il concorso è nazionale, per cortometraggi e documentari, rivolto a giovani filmmaker italiani e stranieri operanti sul territorio italiano; il celebre invito di Vittorio, “Restiamo Umani” - annuncia Egidia Beretta - è il titolo scelto per questa edizione, in omaggio a Vittorio Arrigoni a dieci anni dalla sua scomparsa, con la speranza di stimolare giovani filmmaker a condividere le loro opere e i loro sguardi sulle molteplici forme di solidarietà attivate dal basso, in particolare negli ultimi mesi, in un mondo in cui si acuiscono e si accrescono le disuguaglianze e dove i diritti sembrano essere sempre più messi ai margini». «Riteniamo quindi necessario porre l’attenzione - sottolineano Amnc e la famiglia Arrigoni - sulle persone più fragili: poveri, migranti, minori e donne, detenuti, disabili, minoranze razziali o di genere e verso tutti coloro che chiedono maggiori diritti in ambito politico, civile, sociale, educativo, culturale, lavorativo, religioso, e ambientale».

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola stamattina, 22 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA