Altro giro di vite contro i vandalismi  Oggiono, dalle 23 scatta il coprifuoco
Il lavatoio del Bagnolo, deturpato dopo la ristrutturazione

Altro giro di vite contro i vandalismi

Oggiono, dalle 23 scatta il coprifuoco

L’ordinanza vieta di sostare e radunarsi nei punti “critici”, ecco la mappa dei luoghi vietati

E coprifuoco sarà: il sindaco, Roberto Ferrari, ha firmato l’ordinanza, che aveva preannunciato nei giorni scorsi, pensata per «la salvaguardia della tranquillità e del riposo delle persone».

In sostanza, in alcuni luoghi della città – ritenuti i più delicati – sarà possibile d’ora in poi soltanto passare e sarà vietato, invece, soffermarsi; ciò, dalle 23 alle 7 di tutti i giorni.

Nella mappa delle aree pubbliche dove vige il limite rientrano la scalinata san Pio V e piazza Alta; i parchi pubblici non recintati, cioè il “Gianni Brera”, situato lungo via Santa Lucia e il giardinetto di via Lazzaretto; le aree ubicate tra via Paolo VI ed i condomini sorti al posto della “ex Nomo”; il vicolo della Sacrestia, cioè la porzione di nucleo storico tra vicolo della Scaletta e l’ingresso laterale della chiesa parrocchiale. Il sindaco ha inoltre deciso un ulteriore giro di vite rispetto a quanto aveva anticipato nei giorni scorsi: infatti, l’ordinanza vieta lo «stazionamento» anche nei lavatoi pubblici di via Roma e di Bagnolo, antiche fontane coperte, nate per lavare i panni e, da quando in disuso, divenute luogo di ritrovo per i giovani, che vi trovano riparo e si radunano a lungo anche di notte, lasciandole poi sporche e spesso imbrattate di scritte.

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia di Lecco

© RIPRODUZIONE RISERVATA