Tangenti per l’ipermercato milanese Anche due brianzoli tra gli indagati
I sequestri sono stati affidati alla Guardia di finanza di Lodi

Tangenti per l’ipermercato milanese
Anche due brianzoli tra gli indagati

L’amministratrice di una società e un progettista nell’inchiesta

Indagini sulla costruzione di un centro commerciale ora sotto sequestro

Ci sono anche due imprenditori brianzoli, Luca Mauri e Maria Nigro, residenti a Sirtori, tra gli indagati - a vario titolo - per le ipotesi di reato di corruzione e false fatturazioni nell’ambito dell’operazione “Easy Game”, che l’altro giorno ha portato la Guardia di finanza di Lodi a sequestrare beni per 18 milioni di euro, tra cui un centro commerciale.

Nell’occhio del ciclone l’ex sindaco di San Giuliano Milanese, Marco Toni, l’ex vicesindaco Cristian Stefanoni e l’ex capo dell’ufficio tecnico del Comune dell’hinterland milanese, Roberto Corradi. Stando alle risultanze investigative, l’ex primo cittadino avrebbe ottenuto l’incarico di direttore del centro commerciale sequestrato, dopo la sua realizzazione, percependo in poco più di tre anni una retribuzione complessiva di circa 200mila euro.

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia di Lecco

© RIPRODUZIONE RISERVATA