Robbiate, maxi rogo dal garage  Le fiamme coinvolgono  gli edifici
I mezzi dei vigili del fuoco hanno faticato ad entrare nella stretta via Colleoni

Robbiate, maxi rogo dal garage

Le fiamme coinvolgono gli edifici

La frazione di Terzuolo bloccata dal fuoco

L’incendio è partito dal civico 43 e si è allargato fino al 47

Una dozzina di famiglie evacuate , sette mezzi coinvolti

La frazione di Terzuolo completamente bloccata per un maxi incendio che ha interessato la parte meridionale di via Colleoni, dal civico 43 fino al 47.

Iniziato alle 14

É scoppiato oggi pomeriggio attorno alle 14, in un box sul retro della corte al civico 43 e da qui si è esteso agli edifici contigui, in prevalenza cascinali, ex fienili, garage, un paio di abitazioni. Per fortuna non è stato interessato il fronte delle case che si affacciano sulla via, comunque evacuate per sicurezza e per consentire ai vigili del fuoco di lavorare in sicurezza. Il box ed il cascinale della corte al 43, da dove si è sviluppato l’incendio hanno visto il crollo della copertura, un vecchio tetto fatto di travi e travetti con i coppi appoggiati, senza altre protezioni. La causa dell’incendio è molto probabilmente causale, non di origine dolosa, e dovrebbe risalire all’impianto elettrico della struttura, probabilmente ancora di vecchio stampo, con cavi, prese e interruttori vecchi di anni e forse non più a norma. É stata una ragazza, la figlia di Carmine De Furia, ad accorgersi del fumo che stava salendo dal cascinale ed a lanciare l’allarme. Ha chiamato il padre ed insieme hanno allerato i vigili del fuoco

I danni sono ingenti, si parla di decine di migliaia di euro perché sono state intaccate le coperture di almeno quattro cascinali e fienili, alcuni trasformati in abitazione. Sono state interessate almeno una dozzina di famiglie che sono state fatte uscire di casa per consentire le operazioni di spegnimento in sicurezza. Al lavoro come detto varie squadre di pompieri con almeno sette mezzi.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola venerdì 12 luglio


© RIPRODUZIONE RISERVATA