Profughi in arrivo anche a Oggiono  Comunità pastorale pronta a ospitarli
Il parroco don Maurizio Mottadelli

Profughi in arrivo anche a Oggiono

Comunità pastorale pronta a ospitarli

L’occasione potrebbe essere data da una famiglia nigeriana ora a Merate. Il parroco don Maurizio Mottadelli ha anche ripristinato la “decima” per raccogliere fondi

Si profila anche a Oggiono l’eventualità dell’arrivo di profughi: in tal caso, questa è proprio la definizione, in quanto non si tratterebbe di richiedenti asilo, come invece nella quasi totalità delle altre situazioni presenti sul territorio.

La comunità pastorale ha dato ufficialmente notizia della «possibilità concreta d’accoglienza e sostegno dei migranti. Come suggerito da don Ettore Dubini durante lo scorso incontro col consiglio pastorale – ricorda l’amministratore pastorale e decano, don Maurizio Mottadelli - per iniziare un progetto di accoglienza, l’ideale sarebbe ospitare una famiglia».

«Interpellando però la “Cooperativa Arcobaleno” che si occupa, per la Caritas, dell’accoglienza dei migranti nel territorio, abbiamo capito che le famiglie siriane arrivate in Italia sono già ripartite per il nord Europa».

«Il “Centro di aiuto alla vita” di Merate ha tuttavia in carico una famiglia nigeriana scappata dalle persecuzioni di Boko Haram».

«Il progetto di Merate – rende noto don Maurizio - sta scadendo e questa potrebbe essere per noi un’occasione di accoglienza. La famiglia in questione ha già ottenuto lo status di rifugiati».

Tutti i dettagli nell’ampio servizio su “La Provincia di Lecco” in edicola sabato 2 aprile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA