Petizione del comitato San Michele

«Tempi più veloci o le ditte muoiono»

Paderno, «Due anni per il ponte sono troppi»

Raccolta firme indirizzata a Rfi

Petizione del comitato San Michele «Tempi più veloci o le ditte muoiono»
Il ponte San Michele desolatamente chiuso

Tempi troppo lunghi e risposte troppo vaghe sul ripristino della viabilità sul ponte di Paderno d’Adda.

A distanza di poche ore dal vertice in prefettura a Bergamo dove Rfi ha incontrato le autorità locali, il comitato del ponte San Michele esprime forti critiche nei confronti di quello che è stato fatto fino ad ora, ma anche sulle modalità con cui si sta gestendo una situazione che sta causando gravi disagi.

In un comunicato diffuso nella mattinata di ieri, il comitato sostiene che «le misure prevista sono eccessivamente diluite nel tempo».

Per questo è iniziata una raccolta di firme per chiedere alle ferrovie di accelerare i tempi. I membri del Comitato, cui hanno già aderito oltre un centinaio di persone, ieri hanno allestito un gazebo in piazza Colnaghi, in mezzo alle bancarelle del mercato. E altrettanto intendono fare per i prossimi tre sabati. Quindi, la protesta e la raccolta di adesioni proseguirà negli altri territori interessati dal disagio. Perché, come ha sottolineato uno di loro, «se davvero il ponte resterà chiuso per due anni, ciò significa radere al suolo tutte le attività commerciali della zona».

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA