Paderno, Auto e treni  assieme   «Valuteremo dopo la sperimentazione»
Si rischiano lunghe code con il transito vietato al passaggio dei treni

Paderno, Auto e treni assieme

«Valuteremo dopo la sperimentazione»

Dopo un’iniziale chiusura Rfi disposta a rivedere il piano della divisione dei flussi Il sindaco di Calusco aveva scritto a nome degli amministratori: «Si organizzerà un incontro»

I Comuni di Paderno e Calusco, un paio di settimane fa, avevano chiesto a Rfi di consentire il passaggio contemporaneo di auto e treni sul ponte San Michele, che riaprirà anche al transito ferroviario da lunedì prossimo, 14 settembre. Proprio ieri mattina è arrivata la risposta di Reti ferroviarie italiane, a firma del direttore Rfi della Lombardia, Luca Cavacchioli, che apre ad un possibile riesame della decisione dopo un periodo di sperimentazione e valutazione, che potrebbe durare qualche settimana.

L’analisi

Verrà infatti svolta «un’analisi specializzata dei risultati del sistema di monitoraggio definitivo, l’esito completo delle prove e delle indagini sui materiali e i necessari approfondimenti progettuali». Completata questa fase «potrà essere organizzato un incontro» con i Comuni per valutare i limiti di utilizzo dell’opera e «valutare la richiesta di traffico contemporaneo sul ponte». La richiesta era stata inviata da Massimo Cocchi, consigliere provinciale bergamasco e assessore a Calusco: «Ha sortito l’effetto sperato, mettere in discussione la decisione di Rfi e aprire uno spiraglio all’apertura contemporanea ad auto e treni, così come di fatto è sempre stato negli ultimi 20 anni. Ringrazio Rfi e Cavacchioli che si sono resi disponibili a ragionare in concreto sulle soluzioni migliori a tutela dei cittadini. Ora la sfida vera resta quella di sedersi tutti attorno al tavolo per il nuovo viadotto sull’Adda».

Tutti i particolari su La Provincia di Lecco in edicola martedì 8 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA