Merate, vice preside investita   La cagnolina corre a chiamare i soccorsi
Anita ha chiesto aiuto per la padrona ora ingessata fino all’anca

Merate, vice preside investita

La cagnolina corre a chiamare i soccorsi

Isabella Rossi insegnante di lettere all’Agnesi travolta ad Arcore mentre passeggiava Anita si è diretta verso casa di corsa per chiedere aiuto, ora sorveglia con amore il “gambone”

Una storia d’amore e di devozione, e la protagonista assoluta si chiama Anita.

La vicenda riguarda la vice preside del liceo Agnesi di Merate, Isabella Rossi, professoressa di latino e lettere, che nei giorni scorsi è stata investita con conseguenze che l’hanno relegata su un divano con un’ingessatura dalla caviglia all’anca per frattura di tibia e perone ed una brutta ferita al polpaccio.

Una grande consolazione

Ma con la consolazione di essere «ben sorvegliata» dalla sua cagnolina, un bassotto di 4 anni di nome Anita, che quando la padrona è stata ferita è corsa a casa a chiamare aiuto. Tutto risale a lunedì scorso, primo giorno ufficiale di ferie ma con ancora qualche impegno a scuola per sistemare le ultime carte e le ultime incombenze. La professoressa Rossi era andata di prima mattina a portare Anita a fare due passi, proprio davanti a casa, in via Papina ad Arcore, poco distante dall’abitazione di via Carso.

«Mi trovavo proprio nell’area pedonale, che è divisa dalla strada da una fascia verde, quando all’improvviso qualcosa mi ha colpito da dietro. L’ho visto solo con la coda dell’occhio, un riflesso improvviso, ma non mi sono praticamente accorta di nulla, mi sono trovata a terra travolta ed ho lanciato un urlo terrificante, non sentivo più la gamba». La vice preside era stata colpita da un’auto guidata da una principiante che aveva perso il controllo: «Da quello che mi hanno detto dopo sembra che io sia stata colpita in seconda battuta, la macchina ha colpito un’albero e mi sono arrivati addosso rami e schegge di legno e pezzi del paraurti, sono quelli che mi hanno rotto la gamba». Ma la cosa che più l’ha stupita è che Anita, sentita la padrona urlare si è prima spaventata e poi è corsa verso casa.

«Ho detto alle prime persone che mi hanno soccorso, alcuni passanti, di cercare Anita che si era allontanata di corsa, per fortuna sono rimasta sempre vigile e cosciente». La cagnolina era arrivata davanti al cancello di casa dopo aver attraversato la strada provinciale e si era messa ad abbaiare, richiamando l’attenzione della cognata, che poi ha visto anche alcune persone che correvano dietro al bassotto.

«Ho avuto paura per lei»

«Ho avuto paura che qualcuno la investisse, ho pensato che si era spaventata e stesse scappando, ed invece era corsa a casa a chiedere aiuto. Mia cognata si è accorta che qualcosa non andava ed è venuta sul posto ma c’erano già dei passanti che mi avevano immobilizzato la gamba e tolto alcune schegge dalla ferita. Purtroppo devo dire addio alle ferie, perché dopo aver tolto il gesso ci sarà la riabilitazione». L’ambulanza è arrivata tempo dopo e l’ha portata in ospedale a Vimercate, mentre i carabinieri hanno fatto i rilievi di rito.


© RIPRODUZIONE RISERVATA