Meno automobili, largo agli autobus

Sei linee per collegare dieci Comuni

Merate, il progetto dei Giovani democratici

Le corse servirebbero duemila utenti al giorno

Meno automobili, largo agli autobus Sei linee per collegare dieci Comuni
MERATE - La rete di bus servirebbe un bacino di utenza di circa 50mila abitanti
(Foto di Repertorio Cardini)

Sei linee di bus, in grado di collegare dieci Comuni del Meratese, offrendo una seria alternativa all’auto. È il progetto elaborato dal gruppo Giovani democratici di Merate. Non un’utopia, ma un vero e proprio studio, con tanto di costi e step, realizzato confrontando le necessità e le urgenze di oggi con quanto già realizzato in realtà vicine e comparabili come quella di Bergamo e Lecco città.

«Il nostro progetto - spiega Mattia Salvioni, componente del gruppo di lavoro - prevede tre step. Il primo è realizzabile immediatamente con un piccolo investimento. Il secondo può essere fatto nel giro di un anno, con un investimento un po’ più consistente e riguarda, come il primo, soltanto Merate. Il terzo e ultimo step, invece, richiede un investimento più grande, ma collega con una vera e propria rete di linee bus dieci Comuni del Meratese».

I Giovani democratici hanno calcolato anche i ricavi: dagli utenti giornalieri (2 mila) ai costi dell’abbonamento (20 euro per l’intero mensile) al prezzo del biglietto (1,5 euro), che permetterebbero ricavi sempre per almeno 3 milioni.

L’articolo completo e l’approfondimento sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA