Imbersago, rapina in villa,   Minacciato al proprietario
La zona residenziale del Respiro in cui è avvenuta la rapina

Imbersago, rapina in villa,

Minacciato al proprietario

Due ladri sono entrati nella proprietà in zona Respiro e hanno rubato gioielli e chiesto contanti Dopo aver preso un migliaio di euro hanno intimato al padrone di casa di non dare subito l’allarme e sono scappati

C’è una banda di ladri che scorrazza nel Meratese ed a quanto pare ha colpito anche ad Imbersago, solo che questa volta il furto è diventato una rapina, perché i malviventi hanno minacciato il proprietario che si trovava in casa.

È accaduto venerdì sera attorno alle 23, nella zona del Respiro, il quartiere residenziale di via Selva e via Manzoni che si trova di fronte a villa Moratti.

Forse una coincidenza

Potrebbe essere una coincidenza come invece al contrario no, il colpo è avvenuto poco dopo quello consumato a Verderio in via per Cornate, ed una serie di tentativi di furto che sempre la stessa sera sono avvenuti nella zona di Arlate di Calco.

Non è infatti escluso che i protagonisti siano gli stessi, una coppia di malviventi che a quanto pare girano su una utilitaria grigia e che stanno facendo passare parecchie abitazioni della zona.

Fatto sta che l’episodio di Imbersago spicca per le modalità tutt’altro che rassicuranti. I banditi infatti sono arrivati nella tarda serata nella zona di via Selva, un quartiere abbastanza isolato e che confina con delle zone agricole della collina che sovrasta l’abitato di Imbersago.

Sono riusciti ad entrare nell’abitazione che in quel momento era occupata dal proprietario, hanno scavalcato la recinzione e sono penetrati in casa. Pensavano probabilmente di poter frugare in casa senza essere scoperti, forse non si erano accorti che c’era qualcuno all’interno, fatto sta che dopo aver cercato in qualche locale senza trovare quasi nulla di valore se non qualche gioiello, si sono trovati faccia a faccia con il proprietario.

Erano in due contro uno ed anche senza avere armi al seguito si sono fatti forza del numero per intimorirlo e minacciarlo, intimandogli di dare loro i soldi che aveva in tasca ed in casa.

Consegnato tutto

Il padrone di casa ha consegnato i soldi, circa un migliaio di euro, ed i due gli hanno intimato di non chiamare aiuto fino a quando non se ne fossero andati, a quel punto se la sono data a gambe levate ed hanno fatto perdere le proprie tracce.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola martedì 28 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA