Il “Sì” simbolico di Berlusconi e Fascina
Evento mondano alle porte di Casatenovo

Il “matrimonio”Si è svolto a Villa Gernetto, il viavai di auto non è passato inosservato Completo di Armani per il Cavaliere e abito dello stilista lecchese Antonio Riva per lei

Il “Sì” simbolico di Berlusconi e Fascina Evento mondano alle porte di Casatenovo
L’arrivo degli ospiti a Villa Gernetto ieri mattina
(Foto di foto ansa)

È iniziato, nella piccola cappella di Villa Gernetto a Lesmo, in provincia di Monza e Brianza ma a poche centinaia di metri da Casatenovo, il “matrimonio “ simbolico di Silvio Berlusconi con la parlamentare Marta Fascina . Un viavai di auto che non è passato inosservato anche in paese.

Completo di Armani blu con un mughetto all’occhiello per il Cavaliere, mentre Marta Fascina indossa un abito bianco in pizzo francese, con corpetto, mezzo colletto e scollatura casta a V, oltre ad un ampio strascico bianco creato dallo stilista lecchese Antonio Riv a. A dimostrazione del legame stretto con il nostro territorio seppur lo stilista ora abbia lasciato l’atelier del capoluogo per Milano. Di mughetto anche il bouquet, in pendant con l’occhiello di Berlusconi.

Chi c’era

Presenti il fratello Paolo e i figli del Cavaliere Marina, Barbara, Eleonora e Luigi con i nipoti, mentre è assente il secondogenito Pier Silvio, il quale in questo periodo preferisce tenersi lontano da eventi troppo affollati . A proposito del virus, ieri mattina tutti gli invitati hanno effettuato un tampone molecolare per precauzione.

Presenti, tra gli altri, alla cerimonia, accompagnata dalla musica di un violinista, Gianni Letta con signora, Marcello Dell’Utri con la moglie, Fedele Confalonieri, Adriano Galliani con la compagna, Niccolò Ghedini con la moglie e figlio, il medico personale del Cavaliere Alberto Zangrillo , Renato Della Valle , oltre ai parlamentari Licia Ronzulli , Anna Maria Bernini, Antonio Tajani , Valentino Valentini, Vittorio Sgarb i, l’amministratore delegato di Fininvest, Danilo Pellegrino con la compagna, l’ad di Publitalia, Stefano Sala , e il presidente del Consiglio di Vigilanza della Rai, Alberto Barachini. Assente il capogruppo alla Camera di Forza Italia, Paolo Barelli, perché risultato positivo al Covid ma presente Matteo Salvini. Presenti, naturalmente, anche tutti i parenti di Marta Fascina. Al termine della cerimonia, gli invitati si sono spostati all’Interno di Villa Gernetto per l’aperitivo e il pranzo, accompagnati da un’ensemble di viola e tre violini.

Alcuni dettagli pensati e scelti per l’occasione: il leader azzurro ha fatto disporre nei giardini 150 statue, ha poi voluto che il getto d’acqua di una fontana rappresentasse scenicamente una grande torta. L’aperitivo è stato servito nell sala dei Passi Perduti, mentre per il pranzo gli invitati sono stati fatti accomodare nel salone delle Feste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA