I negozi di Merate: «Non ci fermiamo» Quattromila ordini in barba alla crisi
La centralissima via Manzoni con i negozi chiusi

I negozi di Merate: «Non ci fermiamo» Quattromila ordini in barba alla crisi

Oltre quaranta negozi hanno unito le forze

sulla piattaforma gratuita dello studio Red-Made

Quattromila ordini evasi in un mese. Riparte da un portale, realizzato gratuitamente dallo studio Red-Made di Merate, il commercio sotto la torre di Castello Prinetti.

Dalla metà del mese di marzo, sono oltre quaranta i negozi di ogni genere e tipo che hanno aderito alla proposta dello studio e che si sono adeguati a ricevere digitalmente gli ordini per poi provvedere ad effettuare le consegne a domicilio.

«Tutto è nato una notte - racconta Noemi Gadaleta - quando io e mio marito Santo Oliva (entrambi in passato avevano già dato vita simili a favore della proloco, ndr)ci siamo messi a pensare a come avremo potuto fare la nostra parte per aiutare i commercianti che, da un giorno all’altro, si sono ritrovati costretti ad abbassare le serrande».

In poche ore, è stato così costruito un sito internet (red.made.com/merate.smart/) per andare incontro a chi, pur nel rispetto delle norme, voleva continuare a svolgere il proprio lavoro. L’adesione, è bene ribadirlo, non costa nulla.

L’articolo completo e gli approfondimenti sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA