Famiglie evacuate per l’incendio. Rientro a casa dopo due mesi di lavori

La vicenda Le fiamme erano divampate in uno scantinato della palazzina in via Provinciale. Contributi dal Comune per coprire le spese sostenute da chi si è dovuto trasferire in albergo

Famiglie evacuate per l’incendio. Rientro a casa dopo due mesi di lavori
Un’immagine dell’incendio divampato nella palazzina in via Provinciale il 10 aprile di quest’anno

È terminata l’odissea delle famiglie residenti nella palazzina di via Provinciale che ad aprile subì un incendio.

Sono finalmente rientrate nelle proprie abitazioni, a spizzichi e bocconi, ma alla fine hanno potuto riprendere possesso dei propri appartamenti. Il Comune ha anche disposto un contributo straordinario alle famiglie evacuate: alcune di queste, sprovviste di una rete familiare che le poteva accogliere, erano state collocate d’urgenza in due strutture, nell’agriturismo Teresa delle Fragole di Viganò, in via Piave, ed all’albergo Red’s di Barzanò.

Contributi dal Comune

L’Amministrazione comunale ha deciso di erogare un contributo straordinario per coprire parzialmente le spese di pernottamento, da dare direttamente alle due strutture, 292 euro all’agriturismo e 299 all’albergo, per un totale di 591 euro.

«I lavori sono finiti un paio di settimane fa, le famiglie mi risulta che siano rientrate nelle proprie abitazioni», ha infatti spiegato il sindaco Alessandra Hofmann. La prima famiglia, una delle due con bambini, era potuta rientrare a inizio maggio, a distanza di quasi un mese dall’incendio di domenica 10 aprile, al primo piano, nell’area più lontana rispetto allo scantinato da cui era partito l’incendio.

Una settimana dopo era rientrata la seconda famiglia, anche questa con bambini, ma per le altre due l’attesa si è protratta decisamente più a lungo perché l’incendio aveva causato anche qualche danno strutturale che il Comune aveva imposto alla proprietà di riparare prima di dichiarare nuovamente agibili gli alloggi.

La messa in sicurezza

Già il giorno successivo all’incendio venne fatto un sopralluogo approfondito che trovò danni più ingenti di quanto si era sospettato all’inizio e che portarono all’ordinanza di inagibilità totale per le abitazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA