Cassago, punta il fucile

e rapina la cassa dell’Md

Paura l’altra sera al supermercato di via Sauro: un uomo incappucciato e armato ha minacciato il cassiere

Al momento del “colpo” erano presenti una decina di clienti, uno avrebbe cercato di intervenire mettendolo in fuga

Cassago, punta il fucile e rapina la cassa dell’Md
Alcuni clienti avevano notato giri sospetti sul piazzale

Armato di fucile e con il volto coperto da un passamontagna ha fatto ingresso nel supermercato Md di Cassago Brianza e ha intimato al ragazzo alla cassa di consegnarli tutti i soldi.

La dinamica

Nel tardo pomeriggio di venerdì, pochi minuti prima della chiusura del supermarket di via Nazario Sauro, in centro paese, attorno alle 19, un uomo, descritto come di grossa corporatura e molto alto, con il viso coperto da un passamontagna e con un cappuccio alzato sulla testa, ha rapinato il punto vendita cassaghese scappando prima che potesse essere intercettato dalle forze dell’ordine. A indagare su quanto accaduto sono ora i carabinieri della Compagnia di Merate che hanno raccolto le testimonianze di quanti hanno assistito alla rapina.

Inoltre, i militari stanno verificando anche la disponibilità di immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza presenti nella zona, alla ricerca di elementi utili a identificare il malvivente. Da quanto riferito dal ragazzo che era di turno alla cassa, un giovane poco più che maggiorenne, il rapinatore sarebbe un italiano, almeno a giudicare dalle parole e dall’accento con cui il malvivente gli si è rivolto per intimargli di consegnare i soldi. Nella precipitosa fuga, il rapinatore non sarebbe riuscito a portare via tutto l’incasso, al momento quantificato in alcune centinaia di euro. Le indagini condotte dai carabinieri procedono anche con l’obiettivo di verificare la presenza di un complice, appostato nel parcheggio, pronto per la fuga. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, il rapinatore sarebbe giunto nel piazzale antistante il supermercato a bordo di un’automobile con le targhe coperte da sacchetti di plastica così da non essere riconoscibili.

Altri particolari su La Provincia di lecco in edicola domenica 4 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA