Casatenovo, rapinato mentre rincasa «Minacciato con un coltello alla pancia»
Sulla rapina stanno indagando i carabinieri di Arcore

Casatenovo, rapinato mentre rincasa
«Minacciato con un coltello alla pancia»

È accaduto l’altra sera a un uomo di 57 anni lungo una strada boschiva

«Due persone in strada, una a terra: mi sono fermato pensando di poter dare una mano»

Brutta, bruttissima avventura per un casatese di ritorno dal lavoro. È stato minacciato con un coltello e rapinato dopo essersi fermato per cercare di aiutare due persone che sembravano in difficoltà. È accaduto l’altra notte, tra giovedì e venerdì, ieri, a notte fonda, lungo la strada di casa. Per la precisione in via Brianza ad Arcore, la strada che passa nei boschi verso Correzzana. Il protagonista di questa incredibile vicenda abita a Rogoredo di Casatenovo, ha 57 anni.

«Ieri notte stavo rientrando a casa attorno all’una, ho fatto la strada che faccio sempre, passo da Arcore e da Correzzana. Ad un certo punto arrivato in via Brianza, la strada che attraversa i boschi, ho visto due persone ferme in mezzo alla strada, uno era a terra e l’altro sembrava stesse aiutandolo ad alzarsi. C’era una bicicletta e sembrava che si fosse fatto male. Mi sono fermato per cercare di dare una mano, per vedere se servivano i soccorsi e se qualcuno di loro si fosse fatto male». Appena sceso si è visto puntare un coltello alla pancia: «Non appena sono sceso dall’auto quello a terra si è alzato e mi hanno puntato un coltello addosso. Che cosa potevo fare, erano in due, armati, non ho neppure pensato di resistere? È stato quello in piedi a puntarmi l’arma e mi ha detto di dargli la carta di credito, l’altro si è alzato e mi ha sfilato il portafogli. Mi hanno preso anche il cellulare ed i soldi. Erano due ragazzi di colore, ma quello non conta, poteva essere chiunque».

I particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola sabato 21 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA