Brugarolo, dopo i furti si corre ai ripari   Cento persone a disposizione dei vicini
La rete oltre la quale un residente aveva avvistato un ladro armato di machete

Brugarolo, dopo i furti si corre ai ripari

Cento persone a disposizione dei vicini

Da venerdì parte il controllo di tutte le vie da parte di residenti riuniti in undici gruppi Promosso dalla Lega e sostenuto dal Comune, il reclutamento di volontari ha avuto successo

Un centinaio di persone, per un totale provvisorio di undici gruppi di controllo di vicinato.

Nel giro di un mese, subito dopo la presentazione del progetto, a Brugarolo si sono immediatamente organizzati per evitare che il prossimo autunno possa essere una fotocopia di quello dello scorso anno, con continue incursioni negli appartamenti.

Promosso dalla Lega Nord, sponsorizzato dall’amministrazione comunale, il controllo di vicinato nella frazione di Brugarolo appena decollato vola già alto.

«In via XXV Aprile - annuncia Cristian Bellenzier, che giovedì guiderà una riunione organizzativa nell’ex Cse di via Fermi - abbiamo già organizzato quattro gruppi. In via Martiri della Resistenza ce ne sono tre. A questi ne vanno poi aggiunti altri due in via 2 Giugno, uno in via Laghetto e un altro in via Fermi».Complessivamente, per ora, i coinvolti sono almeno un centinaio di persone, che significano un centinaio di famiglie, con gli occhi sbarrati a vigilare e controllare non solo quel che avviene a casa propria ma anche nel giardino del vicino di casa.

«Sono davvero molto soddisfatto - commenta Bellenzier, che sarà il coordinatore di tutti i gruppi. - Dopo avere individuato i capi area, ciascuno di loro si è attivato per andare a reclutare le persone, raccogliendo i numeri di telefono e spiegando come ci si deve comportare. La riunione di domani, giovedì, servirà per fornire una serie di regole e istruzioni, in modo che il nostro lavoro sia anzitutto efficace e, soprattutto, non gravi sui carabinieri, sovraccaricandoli di segnalazioni e notizie che non servono».

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola mercoledì 27 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA