«Basta tragedie a quell’incrocio»  La Provincia vieta la svolta a sinistra
Calco - Sabato scorso aveva perso la vita Giovanni Rindone al volante di una Jaguar

«Basta tragedie a quell’incrocio»

La Provincia vieta la svolta a sinistra

Il provvedimento riguarderà il tratto

fra la rotonda di Calco e il rondò di Beverate

Divieto di svolta a sinistra per evitare nuove morti per incidenti sulle curve di Calco.

È questa la soluzione annunciata dall’amministrazione provinciale di Lecco dopo l’ennesimo tragico episodio che ha visto, lo scorso sabato, la morte di Giovanni Rindone, classe 1935, residente a Bergamo e nativo di Lecco: il sinistro era avvenuto all’incrocio fra via Nazionale e via San Giorgio.

Già lo scorso 25 gennaio a Villa Locatelli si era tenuto un incontro tra il Comune di Calco e l’amministrazione provinciale per cercare di mettere in sicurezza uno dei punti più critici per la viabilità provinciale.

«Il sindaco Stefano Motta e l’assessore Mauro Galbusera – ha spiegato il presidente provinciale Claudio Usuelli – ci avevano chiesto di intervenire per mettere in sicurezza quel tratto stradale. Premesso che io sono convinto che siano soprattutto i guidatori a essere pericolosi non rispettando il codice della strada, abbiamo deciso di vietare le svolte a sinistra tra la rotonda di Calco e la rondò di Beverate, evitando in questo modo che si possa attraversare la carreggiata in un tratto che è a scorrimento veloce. Credo che cinque minuti in più di percorrenza siano nulla in confronto di una vita».

L’articolo completo sul giornale in edicola domani, sabato 23 marzo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA