Yuri, il baby regista in alta definizione
Un’immagine da uno dei lavori del giovanissimo lecchese Yuri Palma

Yuri, il baby regista
in alta definizione

Ha solo sedici anni ma è già un professionista. Anche nello standard 8K, quello della tivù del futuro. GUARDA UN VIDEO

Quarantotto secondi in bianco e nero. Le nuvole sopra il Lecchese, le nove punte del Resegone. Note di basso perfette accompagnano queste spettacolari immagini, molto suggestive, ma questo breve video non è solo bellezza fine a se stessa. Questo video è un primo passo verso il futuro. “Clouds - 8k in black and white” è il primo video italiano in questa altissima risoluzione pubblicato su YouTube da Yuri Palma, 16 anni, studente del liceo Bachelet di Oggiono, figlio del presidente dei Ragni della Grignetta Fabio Palma.
GUARDA IL VIDEO

Riprese da artista

Yuri da qualche anno si è appassionato alla regia e sta realizzando opere interessanti, qui potete vedere per esempio due stupendi video dedicati alla GRIGNA e ai LAGHI DELL’ALTA BRIANZA

Ora questa nuova opera rivoluzionaria, soprattutto in quanto a tecniche di ripresa. «Rispetto alle tradizionali riprese – spiega Yuri – l’8k alza tantissimo la risoluzione confrontato con il Full Hd che è la norma adesso. Un Full Hd standard è di 1920 pixel - (unità di misura della precisione delle immagini digitali) l’8k è sedici volte più definito rispetto all’altro considerando sia i pixel in orizzontale sia in verticale».

Tecnologia emergente

L’8k rappresenta il futuro delle riprese video, attualmente in commercio non esistono schermi televisivi in 8k, in Giappone però potrebbero riprendere l’Olimpiade di Tokyo del 2020, in tutto o in parte, nel nuovo formato. Per realizzare questa tecnica di ripresa il giovane lecchese si è inventato un metodo del tutto innovativo che forse permetterà a più persone di registrare video in questa altissima risoluzione: «Il problema è che esistono telecamere 8k in vendita – prosegue Palma -, ma sono costosissime, inaccessibili per quasi tutti. Quindi ho provato ad affiancare due macchine fotografiche, ognuna realizzava una foto in time-laps, poi nel video le ho unite lavorandole e realizzando un video di 8k. È stato un esperimento, non volevo creare nessuna storia, ma solo riprendere la bellezza di queste nuvole e farlo in una qualità estrema, l’alta definizione: in questo caso altissima, che è perfetta per ritrarre la bellezza». Yuri tra pochi giorni inizierà la terza liceo scientifico, viste le ottime premesse si immagina già in che ramo voglia buttarsi da grande: «Mi piacerebbe studiare regia – conclude – proseguire in questo campo, mi piace molto, finora ho imparato tutto da autodidatta guardando gli altri, ora sto iniziando a metterci qualcosa di mio». L’8k non è solo il raggiungimento della perfezione della definizione, dicono gli esperti, l’8k è la tecnologia che porrà le basi della tv del futuro: la tv olografica.
Anna Masciadri


© RIPRODUZIONE RISERVATA