Travolto e ucciso dal treno La tragedia a Maggianico
I passeggeri sono scesi dal treno oltre un’ora dopo l’investimento

Travolto e ucciso dal treno
La tragedia a Maggianico

Potrebbe esserci un gesto

estremo all’origine

dell’investimento

Circolazione interrotta

Potrebbe esserci un gesto estremo all’origine della tragedia che si è verificata ieri sera qualche minuto prima delle 20.30 a poche decine di metri dalla stazione di Maggianico, nei pressi del parco di Villa Gomes.

Una persona, verosimilmente un uomo, di età imprecisata, è stata travolta e uccisa dal treno che era appena partito dalla stazione e si stava dirigendo verso Lecco. Stando alle informazioni raccolte sul posto, il macchinista del convoglio avrebbe dichiarato che la vittima era già sdraiata sui binari, al momento dell’investimento, il che lascerebbe propendere per un gesto volontario.

Naturalmente, saranno gli accertamenti della Polizia ferroviaria di Lecco, sul posto con il comandante Vincenzo Mazzilli, a far luce cosa davvero sia accaduto.

Sul luogo della disgrazia un vero e proprio spiegamento di forze, i Vigili del fuoco del comando provinciale di piazza Era, i carabinieri della stazione di Lecco, la Polizia scientifica e i soccorritori della Croce rossa di Lecco.

Al momento dell’investimento, sul treno c’erano circa 40 persone, che sono state fatte scendere dai vagoni oltre un’ora dopo l’accaduto.

Il convoglio era partito dalla stazione di Milano Porta Garibaldi alle 19.22 e avrebbe dovuto raggiungere Lecco alle 20.23. Ovviamente sospesa la circolazione ferroviaria, in entrambe le direzioni, nel tratto in cui è avvenuto l’impatto.

È stato organizzato un servizio bus per effettuare la spola tra le stazioni di Calolziocorte e Lecco e viceversa.

Sarà l’autorità giudiziaria a decidere ulteriori accertamenti sull’accaduto, in mattinata si dovrebbero conoscere le decisioni del magistrato di turno, immediatamente informato della tragedia.n A. Cri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA