Riapre il rifugio notturno della Caritas

La nuova sede è Casa Vincenza

Apre domani, ospitato nell’ex asilo all’incrocio tra via Marsala e via Caldone a Olate, concesso in comodato gratuito dalle suore di Maria Bambina

Riapre il rifugio notturno della Caritas La nuova sede è Casa Vincenza
Si sta allestendo il rifugio notturno nei locali di Casa Vincenza

LECCO
Si apre. Domani il rifugio notturno Caritas di Lecco riaprirà i battenti nella sua nuovissima sede, l’ex asilo Casa Vincenza, all’incrocio tra via Marsala e via Caldone, rione di Olate.
Una sede molto più comoda e meno “provvisoria” di quelli che furono gli uffici amministrativi del settimanale cattolico “Il Resegone” chiuso nel 2007. La nuova struttura ultimata a tempo di record dalla cooperativa “L’Arcobaleno” di Lecco, è stata consegnata in comodato d’uso gratuito dalle suore di Maria Bambina a don Ettore Dubini, responsabile Zonale della Caritas. Venerdì e sabato il trasloco. Questa sera la prima riunione operativa nella nuova sede. Dopo di che, martedì appunto, l’ingresso degli ospiti che non si sa quanti saranno.
L’unico dubbio che ha la Caritas è la dislocazione diversa del rifugio, più decentrato: «Non possiamo fare previsioni – spiega don Ettore Dubini – Vedremo come reagiranno alla novità i nostri ospiti. Di sicuro chi è in vera difficoltà verrà da noi anche se ci troviamo a Olate e non più in centro».
D’altronde dalla stazione al nuovo rifugio sono dieci-quindici minuti a piedi. Nulla di trascendentale. Renato Ferrario, presidente della cooperativa “L’Arcobaleno”, che gestirà il rifugio, spiega: «Martedì alle 20 cominceranno ad affluire i primi senza tetto. Le modalità sono le solite: il filtro viene fatto dal centro d’ascolto Caritas e loro avranno così la possibilità di dormire lì per quindici giorni. Dopo di che faremo un ulteriore incontro per capire se ci sono eventuali progetti possibili per dargli un altro tipo di ospitalità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA