Primaluna, appello della famiglia di Marco  «Riportateci una delle sue picozze»
La parete Fasana dove ha perso la vita Marco Cattani, le sue picozze sono ancora li

Primaluna, appello della famiglia di Marco

«Riportateci una delle sue picozze»

Il giovane alpinista è deceduto il 6 gennaio mentre saliva la “Via all’inglese”

Sui social la richiesta della parente: « Una è rimasta sulla via, la vorremmo per ricordo»

I familiari di Marco Cattani, il giovane alpinista bergamasco morto il 6 gennaio precipitando mentre si accingeva a salire la “Via dell’inglese” sulla parete della Fasana, sul Pizzo della Pieve, vorrebbero riavere una delle due picozze rimaste sulla montagna, come ricordo del loro caro.

Per questo motivo Camilla Cattani ha scritto un post sul gruppo Facebook “Gli amici del Grignone”.

Il post su facebook

«Ciao a tutti. Vi chiedo un minuto di attenzione per questo post. Lo scorso 6 gennaio ho perso un famigliare sulla “Via dell’inglese” (Grigna). Una picca è rimasta in via mentre l’altra è precipitata. La famiglia avrebbe piacere di ritrovarla come ricordo. Chiedo gentilmente, se qualcuno l’avesse vista o trovata di contattarmi in privato», ha scritto.

Il messaggio è stato ripostato anche sul gruppo “Amici del rifugio Brioschi” nella speranza che qualcuno dei numerosi alpinisti che percorrono la via possano esaudire il desiderio della famiglia dello scomparso.

Già c’è stato chi ha detto di averne vista una all’attacco della via ma in una posizione pericolosa per il suo recupero, picozza che potrebbe però essere stata ricoperta dalla neve caduta venerdì scorso.

È scattato così il tam tam tra gli alpinisti che, in caso fosse ritrovata una delle due picozze, possono contattare uno dei gruppi oppure scrivere a “Orobie 4 you” su Instagram, gruppo che raccoglie fotografie e percorsi degli appassionati della montagna.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola sabato 25 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA