Ponte di Annone crollato   Inchiesta verso la chiusura
La scena della tragedia del 28 ottobre 2016

Ponte di Annone crollato

Inchiesta verso la chiusura

I termini scadono il 9 giugno ed è destinato ad aumentare il numero degli indagati: il pm ha chiesto ulteriori accertamenti alla Polizia stradale

L’inchiesta penale sul crollo del ponte di Annone non si è fermata e, anzi, a breve sarà chiusa.

Scadono infatti il 9 giugno i termini delle indagini preliminari (già prorogati) aperte dalla Procura della Repubblica di Lecco e inizialmente affidate al sostituto procuratore Nicola Preteroti, ora trasferito a Bergamo, e il nuovo magistrato inquirente, il pubblico ministero Cinzia Citterio, ha tutta l’intenzione di rispettarli.È questa la novità che trapela da Palazzo di giustizia dalle indagini sulla tragedia che si è consumata il 28 ottobre di due anni fa sulla statale 36, con la morte dell’ex insegnante di educazione fisica civatese Claudio Bertini, rimasto ucciso dallo schianto del cavalcavia sulla sua auto.

Una novità che fa il paio con una seconda, peraltro del tutto attesa alla luce delle conclusioni della consulenza tecnica affidata dalla Procura al professor Marco Di Prisco del Politecnico di Milano. Risultanze che hanno ampliato a dismisura le presunte responsabilità sulla tragedia e che sono destinate a far aumentare il numero degli indagati.

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia di Lecco

© RIPRODUZIONE RISERVATA