Mutui per la casa durante il Covid  Nel Lecchese sono aumentati
I mutui per la casa non sono stati fermati dalla pandemia

Mutui per la casa durante il Covid

Nel Lecchese sono aumentati

Nel trimestre aprile-giugno 2020 erogati 77,2 milioni di euro, il 20% in più rispetto allo stesso trimestre del 2019

LECCO

Nella prima parte del 2020, quindi in piena esplosione della crisi per Covid, non è venuto meno il sostegno bancario nella concessione di mutui, soprattutto in provincia di Lecco.

Lecco è infatti la provincia lombarda che sia nel secondo trimestre 2020 che nell’intero primo semestre ha registrato il maggior incremento percentuale nelle erogazioni di mutuo bancario per l’acquisto di casa.

Nel trimestre aprile-giugno 2020 nel Lecchese sono stati erogati volumi per 77,2 milioni di euro, il 20% in più rispetto allo stesso trimestre del 2019. Il primo semestre di quest’anno invece ha visto un totale di 145,7 milioni di euro erogati, con una variazione di +13,0% sul primo semestre 2019.

I dati sono frutto dell’analisi dell’ufficio studi del Gruppo Tecnocasa sull’andamento dei finanziamenti finalizzati all’acquisto dell’abitazione concessi alle famiglie residenti sul territorio regionale nel secondo trimestre 2020 e si basano sul report “Banche e istituzioni finanziarie”, pubblicato a settembre dalla Banca d’Italia.

I dati lecchesi stanno in un quadro lombardo in cui le famiglie lombarde nel secondo trimestre hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 3.207,8 milioni di euro, dato che colloca la regione al primo posto per totale erogato in Italia, con un’incidenza del 24,87% sul totale nazionale. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente l’incremento è del 10,0%, per un controvalore di +292,8 milioni di euro. Su tutto il primo semestre 2020 sono stati erogati 6.029,0 milioni di euro,pari al 23,88% del totale nazionale.

La Lombardia mostra una variazione positiva del 6,8%, pari a 381,8 milioni di euro in più. Posto che “mediamente colui che sottoscrive un mutuo in Lombardia viene finanziato circa il 10% in più rispetto al mutuatario medio italiano”, attraverso l’elaborazione dei dati provenienti dalle agenzie di mediazione creditizia Kìron ed Epicas, gli analisti di Tecnocasa hanno indagato anche la tendenza rispetto all’importo medio di mutuo erogato. In proposito, nel secondo trimestre 2020 in Lombardia si è registrato un importo medio di mutuo pari a 124.100 euro, “in aumento rispetto a quanto rilevato durante lo stesso trimestre dell’anno precedente, quando il ticket medio ammontava a 122.000 euro”.

Gli analisti di Tecnocasa osservano che “il mercato dei mutui alla famiglia in Italia ha tenuto, nonostante l’emergenza sanitaria mondiale legata al Coronavirus. Il 2019 si è chiuso con poco meno di 49 mld di euro e il 2020 resta comunque in linea con questi valori. La Bce ha contribuito a tenere bassi i tassi di interesse agevolando l’accesso al credito delle famiglie a tassi molto competitivi, ponendosi, in questo modo, a sostegno delle economie e della finanza dell’area Euro in difficoltà”. Se ora prezzi e tassi di interesse continuano ad essere favorevoli, si attende di capire come andranno le richieste nel 2021, anche in relazione agli effetti della pandemia sull’economia.
.


© RIPRODUZIONE RISERVATA