Mille Fiat, due Ferrari e tre Maserati        Le immatricolazioni lecchesi del 2021
Nuove immatricolazioni: il 2021 non ha fatto segnare una vera ripresa

Mille Fiat, due Ferrari e tre Maserati

Le immatricolazioni lecchesi del 2021

Il mercato locale in calo negli ultimi cinque mesi, ma quest’anno resta sopra alle vendite del 2020

Mercato dell’auto a Lecco: da cinque mesi consecutivi i dati sono inferiori allo scorso anno. Sono arrivati i dati divulgati da Unrae (Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri) in collaborazione con il Ministero dei Trasporti inerente all’andamento del mercato dell’auto in provincia di Lecco. Un dato che fa davvero impressione, perché negli ultimi cinque mesi (cioè da luglio a novembre) il numero delle auto di nuova immatricolazione nella nostra provincia è sempre stato inferiore rispetto allo stesso tempo del 2020.

Un dato che deve fare riflettere visto che il bilancio dei primi undici mesi di questo 2021 è superiore di 609 auto. Non dimentichiamoci però che per due mesi (marzo e aprile) del 2020 la vendita delle auto si era letteralmente fermata per la pandemia. Ciononostante, la bilancia vendite, da cinque mesi, è letteralmente in rosso.

Si vendono di più le auto usate, nonostante i costi siano sempre e comunque abbastanza alti. Sguardo al datario per scoprire che da gennaio a novembre 2020, in provincia di Lecco, sono state immatricolati 7016 nuovi veicoli (contro i 7625 del 2021).

Le scelte dell’utenza lecchese premiano Fiat (1.128 vetture), Volkswagen (774), Toyota (521), Suzuki (375), Mercedes (369), Renault (360), e Peugeot (332). Sono appunto i marchi francesi ad aver fatto registrare l’andamento più basso nelle vendite rispetto agli stessi 11 mesi del 2020. In un anno così difficile per il mercato globale, salta all’occhio la vendita del marchio Tesla, che in provincia di Lecco è passata dalle 33 dello scorso anno alle 40 di oggi. Tra le vetture della categoria “Supercar” è il marchio Lamborghini ad avere un incremento in provincia, anche se di due sole unità, da uno a tre. Stabile il marchio Porsche, attestata a quota 50, con Maserati che passa da quattro a tre, e Ferrari da cinque a due.

Segnali di ripresa per Dacia (323), Hyundai (264), Jeep (258), Kia (247), Bmw (235) Audi (221) Seat (195) e Lancia (153) che combatte il mercato con un solo modello, la Ypsilon.


© RIPRODUZIONE RISERVATA